closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Gli opposti del Vietnam

Reportage. Il paese asiatico sta crescendo a ritmi vertiginosi pur mantenendo le contraddizioni dei paesi in via di sviluppo. L’apertura al mercato avviata nel 1987 con il doi moi, il «rinnovamento», vista anche la fine degli aiuti dell’Unione sovietica, lo ha trasformato radicalmente. Il 20 per cento della popolazione ancora oggi è considerata povera. Ma nelle grandi città si costruiscono grattacieli e centri commerciali per la nuova classe media e i super-ricchi

Due persone attendono un autobus ad Hanoi

Due persone attendono un autobus ad Hanoi

In Vietnam gli opposti si incontrano. Il 20 per cento della popolazione ancora oggi è considerata povera. Ma nelle grandi città si costruiscono grattacieli, compound di lusso e centri commerciali per la nuova classe media e i super-ricchi. Lo scorso 28 gennaio si è concluso ad Hanoi il XII Congresso del Partito comunista vietnamita. È stata decisa la line-up della nuova-vecchia dirigenza - nei prossimi cinque anni sarà ancora il 70enne Nguyen Phu Trong il segretario generale del partito comunista, la carica dove è concentrato il potere nella Repubblica socialista - che dovrà garantire il benessere dei nuovi ricchi e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.