closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Giu le mani dal paradiso sardo

Paesaggio. L'isola e il suo mare al centro di una particolare attenzione energetica che rischia di distruggere un patrimonio inestimabile

Ho avuto la fortuna di condividere la rotta fra Sardegna e Ibiza, il privilegio di studiare le straordinarie rotte Mediterranee popolate di animali marini, talvolta fantastici più spesso reali, che troviamo nelle fonti e nelle scene figurate greche, etrusche e romane; i cetacei, la maestosa e terribile orca, balene e capodogli, grandi e piccoli delfini, le foche monache che disegnavano, con i miti, le rotte che dall’oceano gaditano al Mar di Marmara sino al Mar Nero. «Genoma culturale», identità mediterranea, da tutelare. Questo habitat e i suoi abitanti sono di fronte a un nuovo rischio. Qualcuno non vuole che il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi