closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Gerusalemme sul punto di riesplodere

Territori occupati. Una ragazzina palestinese, parte di una famiglia minacciata di espulsione da Sheikh Jarrah, ieri ha ferito una donna israeliana. Si tratta del sesto attacco dall'inizio del mese. Ma per Israele la colpa è dell'Iran e Hamas

Gerusalemme, l'ingresso del quartiere di Sheikh Jarrah

Gerusalemme, l'ingresso del quartiere di Sheikh Jarrah

Dietro i recenti accoltellamenti e altri attacchi a israeliani avvenuti a Gerusalemme e compiuti da giovani palestinesi, Reuven Berko, un ex comandante della polizia israeliana intervistato ieri dal Jerusalem Press Club, ci vede la mano di Hamas. E anche quella dell’Iran e del Jihad. La cosa che Berko non vede sono le tensioni che da mesi attraversano la zona Est, araba, di Gerusalemme, che sono causate dalla minaccia di espulsione di decine di famiglie palestinesi dalle case in cui vivono da oltre 60 anni, nei quartieri di Sheikh Jarrah e Silwan, per far posto a coloni israeliani. E proprio coloni...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.