closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Gaza, tregua fragile ma il conflitto rimane

La tregua promessa. L’Onu ha approvato una inchiesta sulle violazioni dei diritti umani commesse dal 13 aprile in Israele, Gerusalemme est e nei Territori occupati. I Paesi europei contrari o astenuti

Le rovine a Gaza City

Le rovine a Gaza City

Una fragile tregua ha posto fine all’ennesima esplosione di violenza nel conflitto infinito che da quasi un secolo dilania il territorio dell’ex Mandato britannico della Palestina. Anche questa volta il sole sorge su un paesaggio di macerie, costellato di lutti che alimentano l’odio instillato nella carne viva dei due popoli da una lunga storia di abusi, di discriminazioni, di crimini contro l’umanità. In questa fase si contano i morti e i danni subiti -quasi esclusivamente- dalla popolazione di Gaza, però cessato il fragore delle armi, non si intravede alcun ripensamento che possa portare al superamento delle ragioni che alimentano il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi