closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Editoriale

Dalla Majdan al voto pro Nato

Ucraina. Come volevasi dimostrare, l'Ucraina vota per perdere il proprio status di Paese «non allineato»

Quando la Majdan, da protesta popolare e variegata (all’inizio c’erano anche gruppi di sinistra, movimento lgbt) contro Yanukovich e la sua decisione di accordarsi con la Russia, anziché firmare il patto di associazione con l’Unione europea, si trasformò in qualcosa di diverso, a guida politica Usa, con tanto di Cia presente a Kiev (con il capo Brennan), l’ambasciata americana come quartier generale e la manovalanza dei gruppi paramilitari neonazisti a picchiare in piazza, apparve chiaro immediatamente il tentativo di un allargamento Nato a est, con il beneplacito – per mancanza di forza e coesione – dell’Unione europea.

Eppure la stampa nostrana continuò a dipingere con tinte romantiche la «rivoluzione ucraina», fino a ritrovarsi un governo guidato da un uomo degli americani e con un presidente oligarca, che sostituiva l’oligarca appena cacciato.

Chi non cascò nella «narrazione» suggerita da chi comandava a Majdan, specificò, invece, che quanto stava succedendo avrebbe per forza di cose prodotto una reazione in Putin e nella Russia.

Pur con le sue contraddizioni e ottusità, il presidente russo non poteva certo rimanere immobile di fronte al rischio di trovarsi le truppe Nato sul proprio confine. Pensiamo cosa potrebbe succedere, se improvvisamente Obama scoprisse di avere le truppe cinesi e russe sul confine americano (e cosa potrebbe succedere in Occidente se una casa di produzione cinematografica – ad esempio cinese – producesse un film – comico e satirico, naturalmente – nel quale salta in aria il presidente americano: potrebbe essere un’altra domanda retorica utile in queste giornate).

Tornando all’Ucraina: la Majdan apparve fin da subito, dunque, una mossa a guida americana, facente perno sulla Nato, per proseguire quell’allargamento ad est iniziato dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica. Il voto del parlamento di Kiev di ieri, con il quale l’Ucraina sancisce la fine del proprio status di paese non allineato, è la conferma di quanto chiaro già da oltre un anno.

Lo dimostrò la Nuland, mandando a quel paese l’Unione europea, lo ha dimostrato l’elezione e il comportamento di Poroshenko, lo hanno dimostrato gli Usa e le tante esercitazioni Nato, lì vicino, nell’ultimo anno.


La nostra rivoluzione.

In questi giorni di emergenza abbiamo deciso di abbassare il paywall rendendo il nostro sito aperto, gratuito e accessibile a tutti.
Non avremmo potuto farlo da soli: migliaia di lettori ogni giorno sostengono il manifesto acquistandolo in edicola o abbonandosi on line.

Oltre al giornale di oggi, stiamo lavorando anche a quello del futuro.

Nel 2021 compiremo i 50 anni in edicola e vogliamo far crescere insieme questo esperimento unico di informazione libera, critica e autofinanziata dai lettori.

Vogliamo un sito grande, che rispetti la privacy e metta al centro i lettori. Un sito coinvolgente e partecipato, dove sia possibile informarsi liberamente e “formarsi” come comunità.

Vuoi partecipare alla costruzione del nuovo manifesto?

ACQUISTA L’ABBONAMENTO DIGITALE SPECIALE
3 SETTIMANE A 10 €

entrerai nella “comunità dei lettori” che lavoreranno con noi per disegnare il giornale del futuro

ABBONATI
Scegli una diversa formula di abbonamento | Scopri la campagna