closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Da 50 giorni a digiuno: il leader della 17 Novembre Koufontinas contro Atene

Grecia. Trasferimento in un carcere lontano dalla famiglia e divieto di lavorare in prigione, per la legale è la vendetta della famiglia Mitsotakis. I medici avvertono: rischia di morire

Dimitris Koufontinas

Dimitris Koufontinas

Dimitris Koufontinas è un ex terrorista di 63 anni. È l’esponente di punta del gruppo armato 17 Novembre, attivo per 27 anni senza subire un arresto. Nel 2002, quando alla fine la polizia riuscì a sgominare l’organizzazione, Koufontinas evitò l’arresto ma dopo poche settimane si consegnò spontaneamente alla polizia, mettendo implicitamente la firma sulla fine della 17 Novembre. Al processo si è assunto l’intera responsabilità politica per la storia dell’organizzazione clandestina. È stato condannato a 11 ergastoli per concorso a 11 omicidi e altri atti di terrorismo. Ora Koufontinas rischia di diventare il primo detenuto politico europeo che perde la vita...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.