closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Contro il Fertility Day: «Welfare, non clessidre»

Movimenti. Proteste in 12 città per la libertà di autodeterminazione delle donne: «Lorenzin dimettiti». Renzi difende la ministra della Salute. Palazzo Chigi sfugge alle critiche politiche e scarica le responsabilità della campagna sui suoi comunicatori. Il sito della campagna, costata 131 mila euro, non rispetta le normative in vigore nella pubblica amministrazione

Roma, flash mob contro il Fertility Day

Roma, flash mob contro il Fertility Day

Un errore di comunicazione, non politico. La responsabilità della campagna razzista del ministero della Salute sulla «fertilità» è della direttrice della comunicazione Daniela Rodorigo che ieri è stata dimessa, non di chi ha concepito un «piano nazionale della fertilità» fondato sulla colpevolizzazione delle donne che non procreano, insensibile sia alla loro libertà anche di non procreare sia alla mancanza di un welfare (reddito, asili, tutele) che permetta a una coppia di decidere se avere un figlio o no. [caption id="attachment_219940" align="alignleft" width="682"] L'immagine contestata dell'opuscolo sul "Fertility Day"[/caption] È su questa linea che si è attestata ieri la difesa della...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi