closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

C’è un vuoto di idee sulla scuola gialloverde

All’indomani dell’abolizione transitoria della chiamata diretta dei docenti e della richiesta di proroga dell’obbligatorietà dei test Invalsi all’esame di Stato, ci aspettiamo da governo e Parlamento una seria riflessione critica sull’intero impianto dell’autonomia scolastica inaugurato 20 anni fa da Luigi Berlinguer. È un problema politico di straordinaria importanza, se è vero che su istruzione e lavoro si gioca il futuro del nostro Paese. La cosiddetta “Buona scuola” rafforza l’autonomia scolastica istituita nel 1997, cui dà «piena attuazione» (art.1,1) orientandola alla «massima flessibilità e diversificazione» (art. 1,2) attraverso i suoi 212 commi che individuano molecolarmente tutti i campi d’azione.  Una iper-regolamentazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.