closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Brigati (Fiom): «Siamo tornati ai tempi di Riva. Il governo non ceda ai ricatti»

Il segretario dei metalmeccanici di Taranto. Il sindacalista: l'azienda non piò decidere unilateralmente. Anche l’attuale esecutivo, come quello precedente, ha le sue responsabilità. Conte deve dire che tipo di politica industriale vuole dare al paese

Francesco Brigati, segretario della Fiom di taranto

Francesco Brigati, segretario della Fiom di taranto

«La situazione che si è venuta a determinare ha due diretti responsabili: l’azienda, che con un annuncio ricattatorio in stile gruppo Riva minaccia di procedere alla recessione del contratto d’affitto; e il governo, che con la sua irresponsabilità ha creato le premesse perché tutto questo accadesse. L’esecutivo da troppo tempo gioca con la vicenda Ilva e questo non è più tollerabile». Francesco Brigati, segretario della Fiom Cgil di Taranto, ha ben chiaro di chi siano le responsabilità sulla vicenda Ilva. Segretario, il disimpegno di ArcelorMittal su Taranto era nell’aria da un po’ di tempo. Sicuramente l’arrivo dell’ad Morselli, con un...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.