closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Bankitalia: è boom del debito italiano ma il Pil si risolleva

Le previsioni. Il buco nei conti pubblici è salito a 2.779 miliardi di euro in maggio. Migliorano le previsioni per la crescita: il 2017 chiuderebbe a +1,4%. Camusso (Cgil): lo Stato si è indebitato anche a causa dei bonus (renziani). Cari e di scarsa efficacia

Notizie in chiaroscuro, ieri, dalla Banca d’Italia. Le news negative sono un po’ più scontate, o perlomeno prevedibili, perché parlano di un nuovo record del debito pubblico italiano: in maggio è schizzato a 2.278,9 miliardi di euro, in rialzo di ben 8,2 miliardi rispetto al mese precedente. Poi ci sono gli aggiornamenti positivi, questi al contrario abbastanza inattesi: l’istituto diretto da Ignazio Visco ha corretto molto generosamente le previsioni sul Pil per il 2017, prevedendo una crescita dell’1,4%; nettamente più alta dello 0,9% preventivato in gennaio, ma anche rispetto all’1% stimato solo un mese fa, in giugno. L’ITALIA CORREREBBE insomma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.