closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Economia

Banche protette per sei mesi con 150 miliardi di fondi pubblici

Unione Europea. La Commissione Ue asseconda le pressioni del governo italiano contro il "nein" della Cancelliera Merkel. Via libera «precauzionale» alla garanzia degli istituti di credito con soldi pubblici. Lo «scudo» da 150 miliardi di euro utilizzabili contro attacchi speculativi è valido per il 2016

Il presidente della Commissione ue Jean-Claude Juncker e il ministro dell?Economia Pier Carlo Padoan

Il presidente della Commissione ue Jean-Claude Juncker e il ministro dell?Economia Pier Carlo Padoan

Le banche italiane in sofferenza avranno un paracadute per i prossimi sei mesi. La Commissione Europea ha autorizzato, dopo giorni di incertezze e trattative, l'introduzione di uno schema di garanzia da 150 miliardi di euro (stima il Wall Street Journal) fino al 31 dicembre 2016. Il paracadute si potrà aprire in caso di onde sismiche prodotte da una speculazione finanziaria sul rischio rappresentato dai titoli tossici pari a 200 miliardi presenti nella «pancia» degli istituti di credito. Il coniglio pescato dal cappello ieri è stato presentato come una «misura precauzionale» dato che il governo ammette che la situazione è «grave»,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.