closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Anche l’Europa condanna la nuova espansione delle colonie israeliane

Territori occupati. «Chiediamo al governo di Israele di rivedere immediatamente la sua decisione di costruire tremila nuovi alloggi» nella Cisgiordania occupata, scrivono in documento comune 12 Stati europei, tra cui l'Italia. Condannano anche gli Stati uniit

Dodici Paesi europei, tra cui l’Italia, chiedono a Israele di mettere fine «immediatamente» all’espansione dei suoi insediamenti coloniali nei Territori palestinesi occupati. Il passo fa seguito all’annuncio dell’approvazione due giorni fa di progetti per 3.144 nuove case per coloni, di cui 1.344 in tempi brevi, le altre saranno costruite con tempi più lunghi. «Chiediamo al governo di Israele di rivedere immediatamente la sua decisione». La colonizzazione, aggiungono i 12 Stati europei, «rappresenta una violazione del diritto internazionale e mina gli sforzi in favore di una soluzione a Due Stati (Israele e Palestina, ndr)». Più di tutto i paesi firmatari chiedono...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.