closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Anatole France, piovono angeli su Parigi

Otto-Novecento francese. Odiato da Breton e dai surrealisti, Lindau ne ripubblica «La rivolta degli angeli» (1914), apologo «utopico» come il precedente «L’isola dei pinguini»: in entrambi, la comunità intraprende una lotta a carattere sociopolitico che però non avvince

Anatole France in un ritratto di Paul Nadar, realizzato negli anni Settanta dell’Ottocento

Anatole France in un ritratto di Paul Nadar, realizzato negli anni Settanta dell’Ottocento

«La verità non è mai stata guardata nuda. Finzione, favola, racconto, mito, ecco i travestimenti con cui gli uomini l’hanno sempre conosciuta e amata». Questa osservazione di Anatole France, nom de plume di Anatole-François Thibault (1844-1924), si può configurare come una vera e propria dichiarazione di poetica, avente a che fare con una vastissima produzione narrativa che annovera titoli importanti come Thaïs, Gli dèi hanno sete e la tetralogia dell’Histoire contemporaine, imperniata sul personaggio di Monsieur Bergeret. Partito da posizioni parnassiane e da un acceso antinaturalismo, France, autore quanto mai prolifico, si è orientato in seguito verso la stesura di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi