closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Allarme per il «contagio di ritorno» degli operai palestinesi

Cisgiordania occupata. Si teme un massiccio aumento della diffusione del virus in seguito al rientro dei manovali palestinesi da Israele in Cisgiordania in occasione della Pasqua ebraica. L'Olp accusa il governo Netanyahu di sabotare gli sforzi palestinesi.

Gerusalemme. La Porta di Damasco deserta per le misure anti-coronavirus

Gerusalemme. La Porta di Damasco deserta per le misure anti-coronavirus

Quarantacinquemila. Questo numero spaventa l’Autorità Nazionale (Anp) e la popolazione palestinese. Corrisponde ai lavoratori che rientreranno in Cisgiordania per la Pasqua ebraica (8-15 aprile) quando in Israele e negli insediamenti coloniali saranno sospese le attività produttive in cui sono impiegati. In prevalenza lavorano nell’edilizia, settore solo sfiorato dai provvedimenti restrittivi varati dal governo Netanyahu per contenere il diffondersi del coronavirus che in Israele ha fatto registrare circa 7500 casi positivi e 41 decessi. Si rischia perciò un massiccio «contagio di ritorno» in Cisgiordania dove ad oggi i test risultati positivi sono 205 (12 a Gaza). «In Israele i casi accertati...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.