closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Ali, precursore di Obama

Muhammad Ali. L’attuale presidente nello studio ovale tiene un paio di suoi guantoni e quella foto iconica della vittoria su Sonny Liston

«I hospitalized a rock. I beat up a brick. I’m so bad I make medicine sick», «Sono così cattivo che faccio ammalare pure le medicine…» recita Muhammad Ali in When We Were Kings lo strepitoso documentario di Leon Gast sul «Rumble in The Jungle» il suo epico incontro con George Foreman nel 1974. Le sue rime antesignane ricalcavano quelle dei poeti rap Last Poets e Watts Prophets e prefiguravano l’hip hop. La sua spacconeria elevata a performance amplificava l’antica tradizione del braggadocio afro americano dal palco globale della boxe al suo apice di sport globale e inventava al contempo l’identità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.