closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Aimee Mann, voce gentile del disagio

Note sparse. Intonazione perfetta e pulita, la cinquasettenne cantautrice americana in «Mental Illness» canta le devastazioni della mente e dell'anima

Aime Mann

Aime Mann

La voce sempre chiara e pulita, delicata, segue brani che si accompagnano a chitarra e piano. Un album che già dal titolo induce alla ricerca di sè stessi e che ha come fulcro principale l’uomo. Mental Illness appunto malattie mentali. Introspettivo e dai toni caldi, è stata la stessa cantautrice sulle pagine di Rolling Stone America a definire l’album come, il più: «triste e lento della sua carriera», sicuramente con un velo di ironia ma senza andare lontana dal vero mood dell’album. Ma non è un peccato, anzi. Gli undici braniscorrono dentro l’anima e sono perfetti accanto alla sua voce...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.