closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
L'Ultima

Aborto, paradossi americani

Diritti . 287: sono le norme vigenti negli Usa per interrompere la gravidanza. Una montagna che le donne devono scalare sottoponendosi a prove di puro sadismo. Dopo 10 anni, la Corte Suprema riapre la discussione esaminando le leggi proibizioniste dello stato del Texas. L’esperienza tocca 1 donna su 3, ma non se ne parla. E Shoutyourabortion rompe il silenzio

24 aprile 2004, un momento della manifestazione pro aborto a Washington

24 aprile 2004, un momento della manifestazione pro aborto a Washington

Dopo quasi dieci anni di silenzio, la Corte Suprema degli Stati uniti tornerà a discutere dell’aborto. O meglio della miriade di leggi e leggine che in questi anni hanno non solo ostacolato, ma letteralmente tormentato chiunque dovesse, o volesse interrompere la propria gravidanza. Dal 2010 infatti, quando le elezioni di mid term portarono in dono ai repubblicani la maggioranza in quasi tutti i parlamenti locali, sono state introdotte ben 287 nuove norme. Si va dall’obbligo a sottoporsi, e guardare, un’ecografia il giorno prima dell’aborto , a quello di sentire il battito di chi non nascerà, ai colloqui con gli "esperti"...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.