closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Reportage

A Tijuana tra «el bordo» e gli Usa

Usa/Messico. Con Trump le deportazioni sono all’ordine del giorno. Sui barrios ispanici di San Diego è calata la paura: milioni rischiano di trovarsi al di là del confine e in una città straniera

Protesta sul confine Playas de Tijuana

Protesta sul confine Playas de Tijuana

I torpedoni, autobus bianchi con l’insegna della Homeland Security, arrivano due, tre volte al giorno. Si fermano nella rotonda davanti al reticolato di confine e scaricano il loro cargo. I passeggeri sono i deportati di Trump, a volte 2-300 al giorno. Arrivano con l’uniforme in dotazione ai prigionieri dei centri di detenzione dove di solito hanno passato la notte prima di venire accompagnati a uno dei valichi - in questo caso quello di San Ysidro che divide i sobborghi meridionali di San Diego da Tijuana, la metropoli messicana che, rigonfia di un flusso costante di nuovi arrivati da sud, dal...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.