closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

464 inchieste contro gli accademici turchi

Turchia. Dopo la petizione contro la campagna anti-kurda prosegue l'attacco ai professori universitari. Erdogan reprime tutti, anche le donne che scendono in piazza per chiedere uguaglianza

Il presidente turco Erdogan

Il presidente turco Erdogan

Ieri la corte di Istanbul ha emesso un ordine di arresto per Ekrem Dumanli, ex redattore di Zaman (quotidiano di opposizione commissariato una settimana fa) con l’accusa di aver insultato il presidente turco Erdogan. Per l’impellenza delle censure più recenti, forse qualcuno se ne era dimenticato ma sul capo di oltre mille accademici turchi pesa ancora il pericolo di finire dietro le sbarre: dall’11 gennaio sono stati aperti 464 fascicoli di inchiesta contro professori universitari colpevoli di aver firmato, quel giorno, una petizione per chiedere la fine delle operazioni militari contro la popolazione kurda. Due mesi fa 33 di loro...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.