closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Zucca: tortura alla Diaz? «la nuova legge un pasticcio, difficilmente applicabile»

Intervista al pg nei processi contro gli agenti della «macelleria messicana». La formulazione della legge appena licenziata dalla camera «è ambigua e tende a limitare l’applicazione della norma». «Purtroppo c’è un partito della polizia che condiziona il dibattito». Le dimissioni di De Gennaro? «Un atto di sensibilità istituzionale che non attiene al giudizio sulla persona»

I feriti vengono trasportati fuori dalla Diaz, dopo l'irruzione della polizia. Genova 2001

I feriti vengono trasportati fuori dalla Diaz, dopo l'irruzione della polizia. Genova 2001

Se il reato di tortura, nella configurazione approvata giovedì scorso dalla Camera, fosse stato già disponibile nel codice penale italiano all’epoca del massacro compiuto dalle forze dell’ordine dentro la scuola Diaz durante il G8 di Genova, ottenere verità e giustizia sarebbe stato più facile? Una domanda a cui è difficile rispondere. Ma se c’è qualcuno che può tentare di mettere in campo questa ipotesi e provare a capire se in quel caso gli agenti accusati e poi condannati per la «macelleria messicana» avrebbero potuto essere incriminati di tortura, questo qualcuno è il magistrato Enrico Zucca, il sostituto procuratore generale a...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi