closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Zero follie per sorcini al tempo del Covid

Note sparse. Si completa il trittico discografico per i suoi primi settant'anni

Renato Zero

Renato Zero

Vis polemica, humour popolaresco e un attaccamento alla sua città che emerge a ogni incontro pubblico, ad ogni concerto. Almeno fino a quando la pandemia non ha detto stop. Renato Fiacchini alias Zero, classe 1950 ha celebrato i suoi primi settant’anni con un’operazione discografica solo all’apparenza folle: 40 nuove canzoni diluite in tre album licenziati tra fine settembre e fine novembre. Zerosettanta volume 3, 2 e 1 (Tattica) - proprio così a numerazione contraria - sono infatti indirizzati alle legioni di sorcini che coprono ormai generazioni, dai nonni ai nipoti. Quaranta canzoni che si muovono in una sorta di universo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi