closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
ExtraTerrestre

Xylella, la pandemia pugliese

Storie. Il fotografo Jànos Chialà ha seguito per sei anni la strage degli ulivi nella sua regione. Ne è nato un documentario autoprodotto sul rapporto tra i pugliesi e le piante che va oltre la malattia

Uno sguardo lungo sei anni sulla coltivazione degli ulivi in Salento e il diffondersi della piaga della Xylella, con la consapevolezza che non si tornerà più come prima. Corpi rugosi, vuoti e contorti emergono totalmente e irrealmente grigi da uno sfondo di un verde altrettanto irreale. Un bagliore si fa strada dall’interno, quello di una rossa brace che si espande e diventa fiamma, e poi fumo. Sono ulivi. Si accendono come fuochi fatui e bruciano. Per ore, per giorni, sgretolandosi lentamente, facendo ondeggiare brandelli di tronco, di rami, stagliando sull’orizzonte piatto uno scheletro sempre più sottile e storto, finché tutto...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi