closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Lavoro

Western Union delocalizza: presidio al Mise

Vertenze. La multinazionale di trasferimento di denaro sposta le attività in Grecia e Lituania e licenzia 90 lavoratori su 129. La protesta della Cub

Il volantino della Cub per lo sciopero alla Western Union

Il volantino della Cub per lo sciopero alla Western Union

La crisi non c’è per la Western Union, multinazionale americana di money transfer che ha anche una lauta convenzione con Poste italiane per il trasferimento di denaro, ma pretende lo stesso di licenziare in Italia e delocalizzare in Grecia e Lituania: inseguendo la crescita dei margini di profitto decide di lasciare a casa 90 lavoratori su 129, tra Roma e Milano. Dopo una lunga protesta, oggi è il giorno dello sciopero proclamato dalla Cub con presidio sotto il Mise dalle 9,30. «È inaccettabile, oggi più che mai, la volontà di delocalizzare le attività e di licenziare per una società in...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi