closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

«Voleva solo andare via». La terribile storia dietro il suicidio al Cpr

Il caso. Moussa Balde era stato aggredito a Ventimiglia e poi rinchiuso nel centro per i rimpatri di Torino perché senza documenti

Moussa Balde

Moussa Balde

La procura di Torino ha avviato accertamenti sulla morte di un ragazzo nel Centro di permanenza per i rimpatri (Cpr) di Torino. Moussa Balde aveva solo 23 anni ed era nato in Guinea: domenica si è tolto la vita impiccandosi con le lenzuola. Due settimane prima era finito in un drammatico video diventato virale: il 9 maggio, a Ventimiglia, era stato aggredito da tre uomini. Lo hanno pestato con bastoni, calci e pugni in mezzo alla strada, di giorno, tra le urla dei vicini. «Così lo ammazzano», si sente dire in sottofondo. Alla fine è morto comunque. I tre italiani...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi