closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Rubriche

Vittime

In una parola. Il dramma degli ebrei e dei palestinesi continua a produrre vittime e indignazioni opposte ma non ha dato luogo a una riparazione né a forme di perdono e di stabile riconciliazione

Un funerale a Gaza, luglio 2014

Un funerale a Gaza, luglio 2014

Mi ha colpito una osservazione di Ida Dominijanni su facebook: di fronte al riesplodere del conflitto tra israeliani e palestinesi, un sentimento di sgomento e di impotenza tale da generare una reazione fatta di silenzio. Ho provato anch’io qualcosa di simile: un sentimento acuito dallo spettacolo di una discussione nostrana tra i sostenitori di una parte e dell’altra che diventa sempre più violenta e volgare, aggiungendo un piccolo orrore domestico al grande orrore che si consuma tra Israele e Palestina. Ma essendomi vincolato qui a prendere la parola su una parola, non posso fare a meno di parlare di quello...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi