closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Vittime dell’uranio impoverito, «ministero della Difesa responsabile»

Sentenza del Consiglio di stato. Demolito senza attenuanti il ricorso presentato per evitare di risarcire un caporal maggiore che aveva prestato servizio nella missione “Althea” in ex-Jugoslavia nel 2007

La sentenza pubblicata ieri dalla Quarta Sezione del Consiglio di Stato inchioda alle sue responsabilità il ministero della Difesa per l’ennesimo caso di negligenza nella tutela del proprio personale inviato in missione all’estero ed esposto al contatto prolungato con l’uranio impoverito seminato dalla Nato. In questo caso la vittima è un caporal maggiore dell’Esercito che aveva prestato servizio nella missione “Althea” in ex-Jugoslavia nel 2007. Assistito dall’avvocato Angelo Tartaglia, il caporal maggiore aveva vinto una causa risarcitoria presso il Tar della Toscana ma proprio contro questo provvedimento lo stesso ministero della Difesa (retto allora da Elisabetta Trenta) ricorreva presso il...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.