closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Vitamine per «cantare sotto la pioggia»

Abbecedario resistente. Terzo appuntamento con una serie «alfabetica» e quotidiana immaginata per supplire con pensiero autonomo l’arroganza violenta di questi giorni bui. Incrementare la potenzialità di sognare, accudire l’attitudine a volare, irrorare l’indipendenza creativa alla sorgente

C. Vitamina C: reperirla nei cibi (arance si sa, kiwi di più, ananas, spinaci, cavolfiori tutti, patate, soprattutto novelle), nelle pastiglie da farmacia (echinacea...). Spremere agrumi e berne il succo, separare gli spicchi di mandarini e clementine, chiudere gli occhi e fare la gara tra qual è il più buono, dando il voto e classificando il migliore. La sera mangiare spinaci che il ferro si assume quasi solo se associato alla vitamina C: pensare ricetta del vegetale a foglia verde con lime o pompelmo e mettersi alla prova come chef amatoriali. Colorarsi di giallo. Una gonna di velluto giallo senape,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi