closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Viareggio, familiari all’attacco: “Moretti si dimetta”

Disastro ferroviario. Marco Piagentini de "Il mondo che vorrei" dopo la sentenza di condanna: “Il sistema ferroviario è stato riconosciuto responsabile di inadempienze e omissioni. Ed è stato sancito che i vertici avevano potere di intervenire". Chiesta anche la rinuncia alla prescrizione, sulla quale il ministro Orlando precisa: "Sarà riformata, ma non sui processi in corso".

Mauro Moretti, ex Rfi-Fs e oggi in Finmeccanica

Mauro Moretti, ex Rfi-Fs e oggi in Finmeccanica

I familiari delle vittime della strage di Viareggio chiedono le dimissioni di tutti coloro che sono stati condannati nel processo di primo grado, e che hanno tuttora incarichi pubblici in società delle Ferrovie dello Stato o in altre partecipate statali. Fra questi anche Mauro Moretti, attuale ad di Finmeccanica-Leonardo, ex numero uno di Rfi e poi dell'intero gruppo Fs. “Il sistema ferroviario è stato riconosciuto responsabile di inadempienze e omissioni. Ed è stato sancito che i vertici avevano potere di intervenire”. Analisi sintetica ma impeccabile fatta da Marco Piagentini, portavoce dell'associazione “Il mondo che vorrei”, che nel disastro ferroviario del...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.