closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Vestali e segreti inconfessabili nel cuore nero della provincia

A teatro. In scena il nuovo progetto del drammaturgo catalano Josep Maria Mirò dal titolo «Il corpo più bello che si sia mai visto da queste parti»

Maddalena Crippa

Maddalena Crippa

Si rinnova il sodalizio fra il fiorentino Teatro di Rifredi e il drammaturgo catalano Josep Maria Miró qui approdato due anni fa con Il principio di Archimede. Mirò affida a Angelo Savelli (sue traduzione e regia) l’ultima fatica, escursione nel cuore nero di una provincia maleodorante, contraddittoriamente incarnata nel titolo almodovariano Il corpo più bello che si sia mai visto da queste parti. Da queste parti sono vergogne, molestie, segreti inconfessabili, crudelissimi istinti, famiglie squassate dalla violenza. La selvaggina di passo descritta da Mirò taglia il cielo con ferocia assassina e volgare eloquenza. Volteggia una esistenza mutilata da una sessualità...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.