closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

«Verso la notte», cuori smarriti nelle strade della vita

Cinema. In sala l'opera prima di Vincenzo Lauria, un film apolide tra Roma e l'Iran

Una scena da «Verso la notte»

Una scena da «Verso la notte»

Corpi e volti iraniani, e lingua farsi parlata nella maggior parte delle scene, nel cuore di Roma. Già questa scelta rende Verso la notte, primo lungometraggio di Vincenzo Lauria, un film «apolide» all’interno dell’attuale cinema italiano. Oltre a rivelare un cineasta dallo sguardo consapevole, attento alle sfumature tanto a livello di scrittura (sua è anche la sceneggiatura) quanto di messa in scena nella rappresentazione «sottovoce» di un disagio esistenziale che abita sia i due personaggi principali, Hesam e Maryam, sia Anna, la donna italiana senza fissa dimora e dal passato misterioso incontrata dalla coppia iraniana nelle strade della capitale. Hesam...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.