closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Editoriale

Un’opposizione senza sbocco

Chi ha chiesto il voto ai cittadini italiani per farsi eleggere in parlamento e in quel contesto rappresentare l’opposizione deve sì rispettare il mandato che ha ricevuto, ma deve poi assumersi la responsabilità di osservare le regole di quella sede istituzionale e condurre la propria battaglia nelle forme consentite dalla democrazia rappresentativa (compreso naturalmente un duro ostruzionismo). Tanto più che proprio il grillismo obbedisce a una maniacale attenzione ai riti e alle forme (internettiane) con cui scegliere gli obiettivi dell’azione parlamentare. Ma a che scopo se poi anziché usare la forza dei numeri e la qualità degli argomenti per creare alleanze e farsi motore di un’opposizione vincente, tutto si riduce (e si svilisce) nella messa in scena di un po’ di gazzarra?

Forzare il gioco fino a trasformare le aule parlamentari in un surrogato della piazza significa impiccarsi alle proprie difficoltà, rivelando tutta l’ambiguità e le contraddizioni di un Movimento che poi, alla resa dei conti, obbedisce alla linea proclamata da Grillo nei comizi: l’unica via è prendere la maggioranza assoluta dei voti e poi governare da soli. Niente di diverso dal ritornello che abbiamo sentito ripetere in tutti questi anni da Berlusconi: datemi i voti e lasciatemi fare. L’eterna pulsione dell’uomo solo al comando. La stessa logica che oggi assume le sembianze del sindaco di Firenze, osannato da giornali e televisioni per il rassicurante piglio decisionista.

Saltare sui banchi del governo, costringere la presidente della camera a chiudere i propri uffici per evitarne l’occupazione, lanciare insulti sessisti contro le deputate del Pd, fino a usare l’arma estrema dell’impeachment verso il Presidente della Repubblica, come si trattasse di scrivere un volantino, tutto questo serve solo a conquistare i cinque minuti di celebrità, offuscando però la sostanza, il merito delle questioni politiche sollevate. Che pure il M5Stelle ha portato nelle aule parlamentari in molte occasioni. Per esempio sul caso Shalabayeva, sull’acquisto degli F35, sulla truffa delle slot-machine, sul salva-Roma, sui casi Cancellieri e De Girolamo, sull’articolo 138 della Costituzione.

Intendiamoci, nessun sacrario è stato violato e chi parla di squadrismo fascistoide gioca allo stesso gioco dei grillini. Senza nemmeno avere tutte le carte in regola per dare lezioni di democrazia, visto che solo l’uscita dal governo delle larghe intese dei falchi berlusconiani ha tolto di mezzo la programmata manomissione della Costituzione.

Così quel che alla fine il ricco spettacolo mediatico mette in evidenza è la difficile agibilità di una battaglia di opposizione sia nelle istituzioni rappresentative che nella società. Anche perché nelle aule del parlamento dei nominati, i partiti, sempre più comitati elettorali, non rappresentano più da molti anni la voce del paese. Non vanno nelle scuole, nei luoghi di lavoro, nei quartieri. E le lotte generose delle associazioni, che invece animano la democrazia di base, incontrano solo il grande muro di gomma delle nomenclature che respingono il conflitto o trattandolo duramente come un affare di ordine pubblico, o facendolo galleggiare in un perenne surplace, in un eterno moto inerziale.

E questa sorda campana suona per tutti, grillini compresi.

  • masmar marziano

    Perbacco, che lezione di stile ! aspettiamo 30 anni, come il manifesto ” per cambiare il comunismo”, invece di ” tutto si riduce (e si svi­li­sce) nella messa in scena di un po’ di gazzarra? ” . Si è per caso accorta che ” l’uscita dal governo delle lar­ghe intese dei fal­chi ber­lu­sco­niani che
    ha tolto di mezzo la pro­gram­mata mano­mis­sione della Costituzione” è dovuta all’azione del M5Stelle in difesa della Costituzione ed a nessuno dei partiti che lei ha votato negli ultimi 30 anni ?

  • Angelo Capistrano

    ma certo…………..meglio andare con le bandierine bianche in segno di resa totale! Lei, cara gionalista, come giustamente osserva a proposito del “duro ostruzionismo” omette di dire che é proprio quest’ultimo baluardo della regola democratica che é stato spazzato via…………menomale che lei le suona a tutti….ma di certo in questa occasione non metterie i 5 stelle……mi pare che lei abbia un po’ dimenticato la lezione della resistenza……per caso non ci fu’ violenza? eppure viene giustificata……nel nostro tempo le dittature si mascherano dietro una dialettica acrobatica,fatta di pseudodemocratia contro la quale rispondi solo a colpi di schiaffi……….come dire…….se uno ti sta rubando la bicicletta sotto i toui occhi, tu lo lasci democraticamente andare via?……e questi, cara signora, stanno rubando il pane!

  • Davide

    Sull’inanità e l’impotenza tumultuosa e vociante dei grillini nulla da dire. Ma è forse avulsa dallo smottamento antidemocratico su cui stiamo scivolando da almeno vent’anni? E che senso ha richiamare al rispetto delle regole della democrazia rappresentativa? Perché? Cosa sopravvive della democrazia rappresentativa se non la ritualità, peraltro usata in modo propagandistico per tacitare e diffamare ogni protesta? Se è così, e solo quell’animaletto petualante e cingeuttante del “giovane-piddino” potrebbe negarlo, che senso ha, dalla sedicente sinistra, richiamarsi ancora al rispetto di quelle regole che sono la sua camicia di forza?

  • Gaspare Calcara

    Con questo articolo anche il Manifesto sembra diventare sordo. Complimenti direttore.

  • Michele Anunziata

    Ammuina

    Stampa&Regime e Manifesto vogliono i fumogeni, cortine.
    Regole? Quale prego? Speranza (nomen omen!) che dice di essere mandato dai suoi
    (via Bildeberg&Co?) al governo per governare. E i Pentastellati stanno lì,
    così di passaggio? Le aggressioni stanno in mondo visione e il resto è:
    A-M-U-I-N-A. E lo ricorda Vauro del regalo di 7,5 miliardi di euro migliaia di
    miliardi in vecchie lire che è meglio conteggiare così che si capisce molto ma
    molto meglio il “regalo”.

    Vent’anni d’inciucio, dottoressa Norma Raggeri televisiva. Ventanni: Berlusconi
    & D’Alema. Ma “anche” Walter Veltroni Gentiloni Fiornoni Letta Nipotezio e
    Violante via Youtube (memorabile il suo intervento con a latere il sor Fassino)
    questo è dottoressa Norma Raggeri. E della signora Camusso CGIL preceduta dal
    trinarciuto Epifani in compagnia del sor Angeletti e Bonanni (che alcune immagini
    ritrae ancora segretario a latere della Marcegaglia confindustriale e non si
    capisce se ruolo segretario di questa o della sua OO.SS). E di recente: il
    compagno Penati derubricato? E “ci abbiamo una banca” di Violante-Fassino
    derubricato? E del Paskigate con volo alla Pinelli? E del recente
    sindaco-ministro salernitano De Luca? E della De Girolamo? E della Fiat? E dell’Electrolux
    pure derubricato e colpa dello “squadrismo” dei grillini? Ma non quello in
    orbace impomatato alla Galeazzo Ciano o del Pd, Partito distrutto e destra
    sociale? E di Mastropasqua via la Gabbia con un pedigree impossibile? E della
    svendita di Sel per un piatto di lenticchie-accordo alla “sogliola” di sbarramento?
    Povero Nik ‘o barese (l’altro è stato
    Nik ‘o mericano chi lo ricorda?) i nodi vengono al pettine, finalmente.

    Ps. Ma che bello la Gruber (ex deputatessa Pd a Strasburgo Parlamento europeo) in
    salsa La7 dalla bocca siliconata e tutto il resto, che ier sera 30 gennaio 2014
    accordatosi con la deputatessa del caso in specie, si scusava ma doveva
    esternare tra “sorelle” (sodali no?) il “pompinaggio” con tutto quello che
    accade??? Ammuina via televisione. Lesa maiestatis al Sacro Nome della Donna!
    Certo una volta il privato era pubblico, senza scomodare Aristotele a dirne
    figurarsi il resto. Poi i viaggi di “piacere” della Donna via non sta bene…da
    che pulpito vengono è il caso è il caso. E, infine, di un Parlamento anticostituzionale
    che ha eletto, nientemeno, che il Presidente Re Giorgio I° napulitane e il
    problema è dei grillini! Socialfascisti di un Manifesto!

  • Zak Mc Kracken

    Questa è fantastica! I 5S hanno fatto uscire Berlusconi dal governo. Non i problemi giudiziari, non il fatto che alla fine, alcuni dei suoi, hanno preferito tenersi le poltrone, piuttosto che fare di tutto per salvarlo dalla galera. No, è stato il movimento 5S, insinuando dubbi sull’onorabilità delle deputate e facendo l’okkupazione come alle superiori (che io, già a 16 mi rendevo conto che spesso sono cose da bimbi-minkia). Queste sì che sono cose efficaci, vedi come si mette paura il governo e come cambia strada.

    Meno male che c’è il Movimento. Se non ci fosse, chissà dove finiremmo. Se non ci fosse il Movimento, andremmo a ramengo, senza nemmeno poterci fare qualche risata. Viva il Movimento, Viva Viva Beppe Crillo.

  • Fabio

    Caro vecchio(obsoleto) mio idolo_lei,direttrice:mi dica in quale modo oggi un partito onesto potrebbe avallare l’opzione(e con chi???)delle larghe intese,visto e considerato quel LEGGERO conflitto di interessi che condiziona la cosa politica e mediatica:se non ti vendi,non fai strada.e come spesso accade,tutto rimanda poi alla società:ed è per questo che figli e nipoti perdono principi,ideologie e valori propri delle persone EDUCATE non dal dio denaro,ma dalle dee RAGIONE,COSCIENZA,ETICA.questa forma di ragionamento che lei sottolinea,si suicida evidenziando le ultime coalizioni vincenti dal d’alemuccio in poi(e lo dico da compagno):PERCHE’ NON SI E’ MAI FATTO NULLA PER QUANTO RIGUARDA GIORNALI E TELEVISIONI DEL PREGIUDICATO?PERCHE’ DEVO SENTIRMI DIRE DA UN CAVOLO DI COMICO(che pure seguo da anni..)LA VERITA’ SU ARGOMENTI ELEMENTARI CHE NESSUNO DENUNCIA?QUAL’E’ IL COMPROMESSO CHE TENEVA IN OSTAGGIO QUELLA SINISTRA?mi rispondo così:meritiamo un comico(pensa che paese)che faccia opposizione.per questo voterò per la seconda volta.non regalando voti ad alcuna coalizione.
    sig.ra Norma,basta con gli sterili moralismi..

  • Kente

    è ovvio che hai visto un film diverso dal nostro, perchè non te ne torni sui vostri blog o sul fatto quotidiano dove siete tutti contenti?

  • Gianfranco

    Sì però due paroline nel merito della questione le avrei spese: 7 miliardi di euro presi dalle tasche dei cittadini e dati alle banche senza garanzie e la compromissione dell’autonomia della Banca d’ Italia…

  • Kente

    Solo grillini oggi? Comunque, la realtà è che il m5s è un movimento di destra, sotto ogni aspetto, solo che con mezze frasi è riuscito a far credere a molte persone di essere di sinistra. Ad esempio, sugli f35, loro sono contro al loro acquisto perchè ora c’è la crisi, ma se non ci fosse la crisi allora andrebbe bene comprarli? e il resto delle spese militari? non ho mai sentito dirgli la parola “pace” o “pacifismo”.
    Insomma, il m5s ha mostrato solo il proprio volto, fatto di persone incapaci, incoerenti e sottomesse

  • Fabio

    qui si sta delirando:il programma del movimento,CHE SONO COSTRETTO A VOTARE(abbiamo infatti,dopo Berlinguer,il PEGGIOR partito comunista del pianeta),prevede ANCHE un ritiro dalle missioni “di pace”.dispiace,francamente,dover contraddire un fratello sulle stesse basi per le quali si odia un nemico:SVEGLIA!
    ps vorrei che mi citassi qualche compagno degli ultimi 20 anni coerente e capace,grazie:con tanto di motivazione.firma:uno,secondo la tua (il)logica,di destra.

  • Manuele Putti

    Ma lo avete capito che questa cosa dei 7 miliardi presi dalle tasche degli italiana è una favola che vi siete inventati?? Capisco che la materia è complessa e difficile ma se studiata attentamente si può comprendere come la questione fosse più formale che sostanziale e sopratutto ININFLUENTE sul bilancio dello stato dato che l’aumento di capitale di bankitalia è tale per legge e non per un reale ingresso di denaro. Si tratta di un semplice aggiornamento di una materia rimasta invariata dal 1936

  • Fabio

    zak torna a sintonizzarti su mtv o deejay tv,fammi il favore..

  • Alessandro Di Biase

    Il Partito Democratico ha avallato un d.l. a favore delle
    banche private, ricapitalizzando da, più o meno 300milioni di € (cifra ferma
    ai primi anni ’20) a 7.5 MILIARDI, prelevandoli dalle riserve auree
    della Banca D’Italia (ossia indirettamente dallo Stato).

    La situazione che si è
    venuta a creare è quella che le banche private si sono viste ricapitalizzare le
    proprie quote senza tirar fuori un € , e dato che per legge sono obbligate a
    vendere questa eccedenza, si tasserà (AH AH!) questa vendita). La tassazione
    di questa porcata serve a coprire la
    II rata dell’IMU. Ossia serve per far mantenere le fandonie
    di Berlusconi.
    Come puoi sostenere che si tratta di una materia di semplice ricapitalizzazione ??? Economia questa sconosciuta.

  • Alessandro Di Biase

    No, dico, dato che questi M5S sono lupi travestiti da agnelli, ditemi voi quando arriverà la sintesi. Sto sol’ dell’avvenire ci ha triturato le balle.

  • Manuele Putti

    Allora siamo precisi: il capitale di bankitalia era di 156mila euro fermo alle valutazioni degli anni ’30. è stato portato ad un valore di mercato secondo uno studio effettuato da fior fiore di economisti (e su cui non sono in grado di esprimermi). Inoltre è stato aggiunto il limite del 3% al possesso di quote che obbligherà a molte vendite che saranno tassate e serviranno a coprire (come hai giustamente scritto) il mancato introito dell’IMU (non entro nel merito della faccenda IMU ch è un’altra storia). Ora il tuo discorso sul regalo alle banche filerebbe anche non fosse che essendo una situaione un po’ straa quella di bankitalia i possessori di quote prtecipavano cmq alla redistribuzione degli utili che erano, loro si, adeguati alla valutazione reale delle quote. Ma questo succede da 80 anni, non da ieri. Questi soggetti si troeranno quindi privati di una rendita costante e sicura che sarà ripagata da un cash flow immediato (la vendita) che però porterà ad un introito economcio lo stato tramite tale tassazione. Ora non sarà un meccanismo limpido ma non ci trovo questo scandaloso regalo di cui si farnetica da giorni

  • masmar marziano

    il M5Stelle, di cui preciso non faccio parte, ha fatto uscire Berlusconi dal parlamento; il PD ovviamente lo avrebbe salvato con il voto segreto ma per una volta gli accordi dietro le quinte non hanno funzionato visto il rischio del PD di andare in pezzi. Di conseguenza il nostro è stato costretto ad uscire dalla maggioranza per simulare una “opposizione ” a Letta che è solo un gioco delle parti, proprio per giocare al “bipolarismo”; da cui ovviamente gli inseparabili amici ci guadagnano entrambi. Mentre Renzi e Berlusconi concordavano per settimane fino nei minimi particolari questo superporcellum dove neanche Mussolini ha osato arrivare con la legge Acerbo. Smettetela di guardare i talk-show che fanno male alla salute…
    Che questa sinistra spolpata e cancellata un pò alla volta dal PD se la prenda con gli unici rimasti a difendere quel poco di democrazia residua in Italia è geniale…veramente puro masochismo …

  • O. Raspanti

    O poveri noi! Pieno di grilli anche qui! Strapieno! Fa parte di una strategia, non è possibile altrimenti. Ed hanno il coraggio di venire qui, sul sito del manifesto (quotidiano comunista) per dire che il “sol dell’avvenire” gli ha triturato le balle, che siamo moralisti, comunisti (ma no?!), complici ecc. ecc.
    Via, grillini cari, tornateve alle Cascine. Fra poco è primavera e le madonne fiorentine vi daranno conforto liberandovi per i campi.
    Sempre ammesso che qualche contandino non vi prenda a schioppettate ché fate più danni voi che la grandine.

  • O. Raspanti

    No, sei te che devi tornare dai tuoi guru e smetterla di rompere le balle con farneticazioni e gesticolazioni che solo un povero di spirito può prendere per verità.
    Quanto fatto dai parlamentari del M5S è inqualificabile. E ricordatevi una cosa: più fate casino e più gli elettori vi volterranno le spalle.
    Le amministrative ultime stanno lì a dimostrarlo.

  • Antonio Scattolin

    Io non sono grillino, però mi sembra che il dialogo, se resta nel merito degli argomenti trattati e non degenera in sterili accuse, peggio, in insulti, questo dialogo ritengo sia utile alla nostra appartenenza alla sinistra. Per portare anche chiarezza a questa appartenenza. Per rivitalizzarla, quando essasi chiude. Il M5S ritengo dovrebbe far tesoro della nostra storia, della storia della sinistra, della serietà dei suoi pensatori, filosofi, della serietà nel difendere la causa dei più poveri, delle classi sfruttate dal capitale. Non portare nelle discussioni qui, nel Manifesto, sterile gazzarra, populismo che rivela poco approfondimento delle idee e che ha portato il movimento ad avere anime diverse, in opposizione tra di loro, al suo interno. Noi dobbiamo rispolverare il bello spunto contro il potere, la voglia di lottare, magari scompostamente qualche volta. Una freschezza, un collegamento con il territorio, il gusto di ritrovarsi e stare assieme, questi sono i tratti che la sinistra ha smarrito.

  • Fabio

    caro rasponi(…) stai ragionando in maniera catastrofica.quel pugno chiuso non è fedele solo a te ed al tuo circolo ristretto di perbenisti e benpensanti:è alla base di ogni nostra considerazione,assieme a centinaia di altri esempi che,INDUBBIAMENTE,ora bisogna aggiornare:si fatica a capire come si possa restare ancorati,in modo anacronistico,ad uno schema di ideee concetti che non risponde più al vero,più o meno dall’avvento della distruttiva guerra fredda.e lo dico con un amarezza e dolore che ancora non giustifico.il mondo sta andando da tutt’ altra parte e ,lo sappiamo,non per colpa nostra,ERGO:o mi parli ANCORA di RIVOLUZIONE(seppur inattuabile) oppure adesso mi fai un SANO esempio di contestazione realistica (politica-mediatica-sociale)che abbia il suo porco fine.e l’aspetto con impazienza.

  • Antonio{@}

    Questo kaos ha un padre-padrone illustre: colui che benedice dal colle le larghe intese, cioè l’accoppiata PD+PDL, al di fuori di qualsiasi esito elettorale ultimo. Perchè non viene dato giusto peso al primo partito d’italia, cioè il m5s? Grillo ha ragione sotto questo profilo: si stanno facendo porcate maggiori della porcata per farlo fuori. Questo con la sinistra (quota ancora maggioritaria del m5s) storica non ha nulla a che fare……o volete dirmi che la Banca d’italia e i suoi accoliti e’ una istituzione del comunismo? La boldrini è irriconoscibile in quel ruolo. Forse come diceva Marx: sono le circostanze a fare l’uomo come l’uomo a fare le circostanze.

  • Fabio

    sai che c’è raspò?leggendo tutti i tuoi commenti(evidentemente ti gratifica rimproverare sul web:tu pensa che vita..)non solo sull’odierno argomento,hai sempre dovuto contraddire,protestare,andare contro(questo NON E’ comunismo,bada bene)senza MAI andare oltre:sai che c’è,facciamo un bel giochino:ti vengo incontro e affermo che hai ragione.RAGIONE SU COSA?mi spiego:dammi delle valide alternative,che possano fungere da esempio ad EX-comunisti senza speranza come noi,spiegandoci:chi voterai?qual’è il tuo piano per una protesta,invece,civile?manifesti qualche volta?ti esponi in qualche altro modo?nostalgico del sor bertinotti?innamorato di ferrero?di ferrando?di un prossimo ri-governo berlusconiano?fa bene il compagno Vauro a scrivere lettere al buon Fo ed a permettersi ospitate in programmi tv quanto meno insulsi?quindi:secondo te,come se ne esce?per favore,sii molto esaustivo..grazie

  • Gianfranco

    Io non sono un esperto, ma ieri ascoltavo “Tutta la città ne parla” su Radio Tre e veniva definito come un prelievo di denaro pubblico dato senza garanzie alle banche private, senza parlare della perdita di autonomia della banca centrale.

  • Manuele Putti

    Io leggo cosa scrivono professori di economia molto stimati dell’ateneo in cui lavoro e trovo un realtà molto diversa; certo “Tutta la città ne parla” è un trasmissione solitamente seria quindi non mi sento di dire che si tratti di falsità. C’è evidentemente bisogno di un contraddittorio tra persone competenti con articoli del ddl alla mano certo più utile della gazzara mediatica degli ultimi giorni per comprendere. Io in base a quanto ho postuto coprendere ho espresso il mio parere; in neun punto infatti vedo una perdita di autonomia della banca (regolata per legge e tale da non dare potere alcuno agli azionisti se non di ratifica di proposte del governo) e di esborso di denaro pubblico poichè gli aumenti di capitale di bankitalia sono stabiliti per legge e non supportati da un effettivo esborso di denaro essendo garantiti dalla riserve auree dello stato.

  • Gianfranco

    Il fatto che questo avvenga da tanto tempo non significa che sia giusto. Tanti fatti ingiusti si perpetuano da anni in questo paese.Dalla tassazione lo Stato si ripiglierebbe solo un 10% di quello che ha sborsato….

  • Simone

    La sinistra è sempre stata vicina agli operai, ha lottato con e per loro. Nel 1968 si sentiva dire “lotta dura senza paura”. Ora si richiamano moralismi e si manifesta paura per movimenti di pseudo-destra o populisti che, però, sembrano gli unici che intendono spezzare le reni al sistema corrotto e meschino della “casta” protestando con vigore. Mi chiedo perchè la richiesta di dare fondi alle imprese decurtandoseli dal proprio stipendio non sia arrivata da PD o SEL ma dal M5S. Si dice sia pura propaganda oppure campagna elettorale, ma allora perchè fino ad oggi nessuno l’ha adottata questa geniale strategia per accaparrarsi voti? Si cercano voti alleandosi con il centro destra?

  • Alessandro Di Biase

    per 300 milioni intendevo di Lire ossia 156.000 €.
    Contesto due passaggi, il primo è ricapitalizzare una qualsiasi quota implica un mio coinvolgimento economico. Le banche in quota a Banca d’Italia non mi sembra che impieghino capitali o risorse in questo senso. Io lo vedo come un regalo senza nessun beneficio, se non quello della smobilitazione di “liquidità” a copertura del mancanto gettito IMU. In secondo luogo lo Stato impone una diminuzione delle quote possibili in Banca d’Italia da parte di soggeti privati al 3% quindi piazza obbligatoriamente la vendita di queste. Ne viene una prima insicurezza circa il possibile acquisto da parte di forze straniere (i decreti qui sono lacunosi) in seconda istanza siamo sicuri che ci sarà acquisto ? La materia è complessa. Non so, perlomeno potrebbe essere stata più ragionata e non così buttata lì con la “ghigliottina”. Voglio dì , se Brunetta premeva per ‘sta storia da secoli ci sarà pure un motivo. D’altro canto ci siamo attualmente fermati a 7,5 ma le banche spingono per i 22 miliardi di ricapitalizzazione.

  • Manuele Putti

    Rispondo ad entrambi. X Gianfranco: certo che se una cosa non va bene ma è tale da anni non si può far finta di niente ma non ha neanche senso questa bagarre.
    X Alessandro: vero quello che dici ma è anche vero che le quote che i privati dovranno vednere andranno protempore a bankitalia e nel caso non vengano riacquistate i dividendi degli utili andranno alla banca stessa portando qundi ad un graduale rientro dell’esborso. Lo ripeto cmq non è una vicenda limpida ma neanche tale da sollevare un polverone simile degno di miglior causa (a partire dalla legge elettorale che stanno facendo passare in questi giorni e su cui il M5s non mi pare si stia battendo con altrettanta veemenza)

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    20 centesimi ad aziende? Pensare di fare politica-economica sul costo della politica lo possono pensare i grillini ex-berlusconiani o i novelli renziani

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    in un discorso al Parlamento sulla guerra in Afghanistan Di Battista afferma la contrarietà al proseguimento della missione perchè “si sta perdendo”, mentre elogia la missione in Libano perchè “funziona”. Proprio il massimo dell’antimperialismo comunista oppure studiata comunicazione politica per la costruzione del consenso?

  • Simone

    non è solo una questione di fare economia sulla politica, ma di proporre qualcosa che sia tangibile e reale. 10, 20 o 30 è pur qualcosa, è un punto dal quale può’ partire, mentre le chiacchiere degli ultimi anni sono 0. Grillini, Berlusconiani, Renziani; ma che termini sono? Siamo uomini che pensano e ragionano; basta sminuire per sentirsi più bravi? le critiche hanno senso se sono costruttive.

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    Quali sono le verità del comico? Che Electrolux è giustificata a fare un ricatto salariale perchè le tasse sono troppe alte e quindi la colpa è dello Stato? Quando sul cuneo fiscale siamo in piena media UE e anzi ci sono paesi con un cuneo fiscale maggiore del nostro

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    lo avrebbe…siamo nel mondo delle ipotesi, nonostante reputi feccia il pd penso che molto difficilmente avrebbero fatto un autogol del genere, criminali si, stupidi no

  • Codadilupo

    Personalmente credo che la direttrice centri il punto vero: la qualità ideologica e dunque programmatica dell’opposizione di questo paese, e dei modi con cui si organizza e si esprime. Siamo passati dalla inopposizione eterna del Pd, alla non-proposizione alternativa dei 5 stelle. Gli uni che non hanno mai rappresentato l’opposizione reale, perché erano e sono parte del sistema senza il quale non esisterebbero, e gli altri, acerbi ideologicamente, che l’opposizione la fanno, ma con modalità pessime e controproducenti, e non sono in grado di offrire ai cittadini una organica proposta complessiva di alternativa politica al regime pd pdl che vogliono rovesciare. Io credo che i marxisti veri, socialcomunisti di questo paese dovrebbero seriamente riunirsi non per fare micropartitini settari, ma per lanciare l’OPA al M5s, e farlo diventare un movimento con un programma anticapitalista e di transizione al socialismo. La domanda però è: dove sono i marxisti d’Italia?

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    Secondo me l’OPA non la puoi fare per il semplice motivo che chi conta più di uno all’interno del m5s(e non mi riferisco solo alla diarchia, ma un gruppo di puri&duri della prima ora che hanno un forte ascendente sull’intera linea politica) è profondamente anticomunista, puoi trovarci molto della filosofia libertaria, ma sempre declinata ad un capitalismo dal volto umano infarcito d’individualismo(borghese o anarcoide?) dove comunque i rapporti di forza non mutano rispetto al presente. Con una forza politica che manda messaggi molti ambigui, come sull’Electrolux, un marxista cosa può averci a che fare. Prima che vengano a sbraitare i grillini, ricordiamo che essere più decenti di PD e PDL ci vuole poco, basta questo per aprirgli autostrade nella sinistra radicale? Io non penso proprio. Anzi, le critiche più sensate e meglio argomentate sono arrivate proprio dai noi, ma dal mondo 5s si è sempre preferito dare risalto alla becera propaganda liberale. Forse che era più redditizia dare risalto alle cavolate di Repubblica per la costruzione del proprio consenso? Visto che comunque per ora la loro forza è più che altro il riflesso delle porcate dei due maggiori partiti, ma sui temi scottanti? Quei temi che qualificano sinistra e destra? Sono sempre stati bene attenti a non prendere posizione precisa perchè sono consapevoli di essere un movimento troppo eterogeneo, anzi queste difficoltà le superano spesso dando notevole importanza al mezzo, la presunta democrazia del web esercitata nei tempi e nei modi scelti comunque dall’alto, e riducendo invece l’importanza dello scopo. Penso che i marxisti italiani abbiano più il compito di autocritica, analisi e costruzione di un proprio progetto anzichè praticare l’entrismo nel m5s

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    20 centesimi di euro (0,20€) ad azienda sono chiacchiere se non ti è chiaro utili alla costruzione del consenso facile.
    PS: Da quando poi i marxisti o la sinistra radicale si dovrebbero preoccupare di finanziare un blocco sociale parassitario(piangente solo in tempo di vacche magre) anzichè istruire le sue vittime ad occupare le aziende?

  • Gianfranco

    Va bene! Sono d’accordo sulla bagarre che non condivido nemmeno io, ma nell’articolo non si parla nemmeno di striscio del motivo per cui si è fatta. Questo decreto sui giornali dovrebbe essere passato ai raggi x…
    Per quanto riguarda “tutta la città ne parla” posso dire che la puntata è disponibile sul sito omonimo ed erano in collegamento Tito Boeri e Lucio Di Gaetano economista nell’organico di Banca Italia fino al 2006..

  • Codadilupo

    Penso che non si debba fare l’errore storicamente fatale nella storia del movimento operaio, di confondere la base con il gruppo dirigente, e di asserire che il partito (o il movimento) sia identificabile con il solo gruppo dirigente. Anche per i 5 stelle credo valga la stessa cosa. Qui ci sono giovani che nonostante gli errori dei loro dirigenti, e nonostante il moderatismo del loro programma credono davvero che il loro attivismo possa portare ad un cambiamento nella società. Questo è il punto centrale da cui far partire la nostra analisi secondo me. Il fatto che qui ci sono masse che cercano un cambiamento, e nelle organizzazioni della sinistra tradizionale no. Perché? semplice, i socialcomunisti in questo paese sono scomparsi politicamente, perché incapaci di offrirsi come alternativa ai cittadini. La linea ventennale bertinottiana seguita dalla sinistra italiana, che ora Vendola seguita a perseguire, l’ha uccisa e fin tanto che non cambierà il gruppo dirigente non cambierà la linea, e la sinistra spiace dirlo rimarrà polverizzata e screditata. Un marxista che volesse far giungere la propria voce a qualcuno oggi nel M5s troverebbe qualcuno disposto ad ascoltarlo, mentre nel Prc, in Sel, nel Pdci, nel Pcl, NO. Provare per credere, ma soprattutto basta dare uno sguardo all’esito conservativo e continuista dei congressi di queste forze politiche, per capire come non ci potremo mai aspettare nulla di buono dai dirigenti di queste forze politiche, che già vent’anni fa provarono a rifondare il comunismo, distruggendone invece le speranze di rinascita su basi sane:marxiste, rivoluzionarie, antistaliniste e democratiche; nell’eterno giochino del centro sinistra su cui bisognerebbe avere la decenza di mettere la parola FINE una volta per tutte. E la base di questi partitini se ne è andata, e ha preso il largo giustamente (come il sottoscritto), e naviga a vista, senza approdare per ora in nessun porto. Ritengo che se i marxisti lavorassero seriamente per costituire una frazione nel m5s, potrebbero convincere i migliori elementi in esso presenti, ed arrivare a condizionarne la politica, anche alla luce del fatto che prima o poi dovrà strutturarsi fisicamente come partito. E’ un entrismo contemporaneo, per portare le nostre idee dentro quella scatola che non ne ha molte, ma in cui c’è ancora freschezza e voglia di trasformare, e che stante la legge elettorale in via d’attuazione, sarà l’unica forza d’opposizione a rientrare in Parlamento. Il Parlamento è una cassa di risonanza importantissima, ed avere i marxisti rivoluzionari in parlamento sarebbe fantastico, perché rappresenterebbero la vera voce alternativa con un impatto dirompente. Non si possono fare progetti a tavolino, questo è certo, ma bisogna avere l’onestà per dire che non abbiamo la forza da soli di rilanciarci, e che è dunque un nostro obiettivo prioritario rivolgerci alle masse, laddove queste credono di poter contare. Non è colpa nostra (ma dei nostri dirigenti) se ora questo cambiamento le masse credono poterlo trovare nel M5s.

  • Fabio

    la cosa che più mi sorprende è che,generalizzando,si continua a parlare in linea teorica di marxismo,di comunismo,di socialcomunismo,anticapitalismo,non considerando un periodo che ha segnato e segnerà questo prossimo futuro:la guerra fredda,caro il mio compagno.sono persino d’accordo su molte delle cose da te scritte,ma non si riconosce una verità sacrosanta in questo paese (ma in generale in europa)o in tutti quei paesi filo americani e che poggiano su economie capitalistiche e schiaviste:siamo prigionieri di una verità e di una giustizia che non ci appartiene più,storicamente(solamente perchè la storia è fatta dai vincitori,ahimè),spazzati via da una crescente caccia alle streghe che negli states è cominciata all incirca negli anni 40,qui solamente da un ventennio di dominio berlusconiano:e non ti chiedi perchè?perchè i tuoi stessi ideali sono stati stracciati?perchè coloro che hai continuamente votato t hanno (e non improvvisamente)voltato le spalle? perchè c’è stato un largo consenso ANCHE tra i nostri?perchè prigionieri di p2,gladio,cia e di comunisti corrotti?perchè NOI vittime di stragi infami?perchè superpartes qui non significa più niente?o è colpa di un comico?e ti inoltro le stesse richieste fatte ad altri:mi dici come se ne esce?oggi ho scoperto che giustizia e verità appartengono ad uno stesso nucleo populista e di destra.maddai..

  • Gianni Perdelli

    Mi si insinua il sospetto che siamo gelosi. Brucia un po’ che questi cittadini qualunque stiano ottenendo risultati e magari riescano a svegliare chi non s’è ancora reso conto che viviamo in un regime più gramo di quello fascista?

  • Fabio

    mi sento TOTALMENTE in sintonia.

  • Fabio

    mi invii per cortesia qualche link nel quale si afferma ciò?giusto per ricredermi,sai..

  • Eugenio Casini

    Perchè il manifesto è sovvenzionato da soldi pubblici!!!!!!

  • Eugenio Casini

    Tu o il tuo partito cosa fate invece? no perchè è ovvio a non fare nulla si ha sempre ragione

  • Gianni Perdelli

    concordo. Ma nel M5s dovremmo entrare per restarci, per contribuire ma anche per crescere. Io non ho la preparazione per confrontarmi adeguatamente sul piano “teologico” ma mi sembra che il vizio capitale di noi c.d. “comunisti” sia quello di guardare il mondo dalla colonna d’avorio, che sembra quella di Capo Colonna, in attesa di inabissarsi come le sorelle. Ci sono nuove istanze ambientali che Marx non conosceva, dobbiamo riformulare le idee per un mondo senza sfruttamento dell’uomo sull’uomo….salendo sulle spalle del gigante per andare oltre.

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    Ci conosciamo?

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    http://www.youtube.com/watch?v=3nmf6uNS5fk&feature=youtu.be&t=9m06s

    Spero che i marxisti sappiano bene che l’argomentazione che segue è una supercazzola imperialista equali confini stanno difendendo i “nostri” militari

    Intervento per la gran parte condivisibile, ma che nasconde quelle perle che diventano o dovrebbero sirene d’allarme a sinistra. A sinistra siamo diventati sensibili allo stile piacione costruito a quanto vedo, Di Battista è diventato un ottima immagine per il m5s, la base pd proclama un altro “diversamente” piacione.

    PS: Nei primi mesi non andavano in tv perchè Casaleggio ancora non faceva loro corsi di comunicazione; altro che purezza; le condizioni con le quali poi stanno andando in tv è in pieno stile berlusconiano. Credeteci, ma non troppo da chiudere gli occhi e di sorvolare dove non si dovrebbe sorvolare.

  • Jessica

    In occasione dell’approvazione al Senato della cosiddetta legge truffa nel marzo del 1953: dopo 70 ore di seduta ci fu una rissa di 40 minuti che vide Sandro Pertini rivolgersi al presidente Meuccio Ruini con un “Lei non è un presidente, è una carogna! Un porco!”. O ancora, sempre nella stessa seduta, il senatore Elio Spano (Pci) affrontò a muso duro il giovane sottosegretario Giulio Andreotti, che in quel momento aveva in testa il cestino della carta per proteggersi dagli oggetti che piovevano dai banchi della sinistra, urlandogli: “Dopo il voto avrete un nuovo piazzale Loreto!”.

    Una volta si è sfiorato anche uno scontro fra titani, era il 14 febbraio 1950 e Palmiro Togliatti decise di affrontare a muso duro Alcide De Gasperi per una frase infelice pronunciata nel corso del suo intervento. Parlando dei funerali di sei operai uccisi dalla polizia nel corso degli scontri a Modena (ai quali aveva partecipato tutto lo stato maggiore del Pci), l’allora presidente del Consiglio li aveva definiti una “parata”. Togliatti si alzò urlando “Vergogna!” e scese minaccioso le scale dell’emiciclo fermandosi a pochi centimetri da De Gasperi. Allora il buon senso ebbe la meglio e “il Migliore” se ne andò.

    Questo tanto per ricordare a qualche comunista perbenista che non sempre alzare la voce per farsi sentire, senza essere fisicamente violenti, è squadro-fascismo.

  • Zak Mc Kracken

    Più che altro guardo la BBC e dell’Italia ascolto la radio…

  • Eugenio Casini

    direi di no,

  • Fabio

    è vero,hai ragione(ti ringrazio per il link):ha affermato quelle cose.ma ne ha anche aggiunte altre, il che rende il contesto un po’ più palese e cristallino(la parola ossimoro..).posso pensarla in questo modo:quei dannatissimi deputati inesperti che avanzano INTANTO alcune proposte, per poi renderci REALMENTE partecipi di iniziative(bada bene chè non rincorro chimere) che riguardano il NOSTRO PAESE:cosa che NON ricordo sia stata fatta da alcun partito degli ultimi 15 – 20 anni,che si chiamasse Rifondazione o meno.

  • Nik

    Angelo, se la metti così, allora secondo il tuo pensiero il M5S non avrebbe dovuto presentarsi alle elezioni ed entrare in parlamento, bensì prendere i fucili e abbattere governo, parlamento e presidenza.

  • Nik

    Bevi meno

  • Nik

    Avremo anche il “peggior partito comunista del pianeta”, ma è l’unico partito – fino ad ora – che ha prodotto una proposta di legge (denominata “Piano per il Lavoro e l’Economia ecologica e solidale”) che prova a proporre misure precise per far fronte alla attuale situazione del Paese. Sarebbe bene informarsi. http://www.rifondazione.it/pianolavoro

  • Nik

    ma il M5S non è di sinistra….

  • http://porciconleali.blogspot.it/ RoobZarathustra

    io non so se e come mi abbiano pubblicato il commento; comunque ho scritto che l’intervento generale era in gran parte condivisibile, ma sottolineando l’esistenza di alcuni passaggi che dovrebbero comunque mettere all’erta un marxista!
    PS: Sono comunista, critico con cognizione di causa sia il PD e il M5S (le critiche idiote da Repubblica le lascio volentieri ai tifosi). Anzi se vuoi sapere magagne di uno dei chiedi e ti darò aahahah buone cose, mi piace quando posso discutere senza insulti reciproci, sul Fatto non si può fare, una cagnara di tifosi, spero che il Manifesto possa creare una community meno di massa e più di qualità.
    PPS: bazzicatelo anche quando non parla di m5s 😀

  • O. Raspanti

    Te e quell’altro rintronato di fabio non avete bisogno di risposte, quindi è inutile che facciate finta di fare domande per di più con l’ironia greve che caratterizza i grilli come voi (non siete capaci di altro).
    Voi non avete domande, ma solo risposte e sono sbagliate.
    Statemi bene. E mi raccomando, non sforzate troppo il cervello che potrebbe darvi delle emicranie. E sempre lode ai due guru della Grillo & Casaleggio associati (così si chiama ufficialmente il vostro partito).

    ps: è più di 30 anni che faccio politica e voi mi sembrate arrivati con l’ultima pioggia. E comunque andate pure a scrivere le vostre baggianate sui vostri siti perché avete invaso un sito che non ha nulla a che vedere con voi.

  • O. Raspanti

    Innanzitutto la gazzarra della quale Jessica parla non è arrivata ai limiti toccati dai parlamentari del m5S. Poi il contesto politico ed economico era completamente diverso e infine il PCI o qualsiasi altra forza politica dell’epoca aveva un progetto politico e non si riduceva ad un ammasso di proposte incongrue e demagogiche facendo dell’insulto l’unico mezzo di comunicazione.
    Segnalo ai grilli disattenti che il vostro partito, ché di partito si tratta, è stato votato senza avere un programma economica (scritto, si fa per dire, in tutta fretta dopo le elezioni).

  • Spartacus

    Raspò…Rasponi….c’è tutta la finezza intellettuale e politica dei grillini.
    Non sapete fare altro che gettare fango e insultare.
    Ditevelo: siete dei FASCISTI, semplicemente dei FASCISTI.
    I vostri metodi, la vostra virulenza verbale, la mancanza di rispetto per chi non la pensa come voi, parla per voi.
    V’invito anch’io, come già fatto dal compagno Raspanti, a lasciare questo sito che avete colonizzato e che occupate ormai da qualche tempo con la vostra abituale torva prepotenza.
    Se i comunisti non vi stanno bene, andate con i vostri camerati di Forza Nuova: avrete molte cose da dirvi.
    E accarezzatevi bene perché alle prossime elezioni sarete decimati: gli elettori sono stufi di paglicciate come le vostre.

  • Fabio

    30 anni che “fai “politica:e non rispondi a delle semplici domande..capisco quale tipo di politica osservi:quella della retorica e del dare contro,cosa che,in 15 anni di voto io,ho fatto in larga parte(ripeto che sarà la 3a o 4a volta,la prox,che mi vedrà al voto),lasciando spazio così a insulsi personaggi di dubbia etica e ad un’opposizione sempre latitante .il fatto che tu sottolinei il Post Scriptum aumenta solo l indecenza e l incoerenza della cosa:chi ha detto che non siano 30 anni buttati?devo portare rispetto solo per il peso di quei 30 anni?..mi ricordi (e tanto,pure) schieramenti destrorsi,come raccontava il mio povero nonno:risorse da patriarca ormai scadute.ripeto:invece di fare il disfattista e l uomo-che-giudica,proponi, PROPONI, PRO-PO-NI.aspetto con ansia.

  • Fabio

    il commento col link è apparso giusto un attimo(non so chi lo debba “moderare”) e t avevo quindi ringraziato perchè ho avuto modo di apprezzarlo(e di giustificare alcuni dubbi):qui stiamo sempre con le orecchie “tese” perchè,per certi versi,sembra strano quanto idilliaco ciò che succede in quella casa chiusa di parlamento.
    CONDIVIDO quanto scritto da te.

  • Fabio

    mi dispiace d’averti dato st impressione:logorato (IO,da elettore) da un impotenza che si traduce in bassezza intellettuale e ansia di un cambioamento repentino;logorato(tu,da compagno) da giudizi quanto meno superficiali ed inopportuni,visto che,come te credo,aspetto una c***o di luce in fondo al tunnel dalla nascita:il solo pensiero di cosa abbiano visto questi occhi,e di cosa vedranno quelli di mio figlio,mi fa desiderare l aborto retroattivo(…MAI!).faccio mea culpa:ma scendi da quel trespolo,ti prego

  • Angelo Capistrano

    assolutamente no! e non capisco perche’ fai una osservazione di questo tipo. nel mio post é fin troppo chiaro il senso. quando si disattendono i principi basilari della democrazia si passa ad una lotta feroce che sfocia,la storia lo insegna non sono io che scopro l’acqua calda, in sanguinose guerre fraticide. La politica governativa in italia,come anche in altre parti d’europa, é espletata in maniera subdola. Questo lo si capisce con e senza il movimento 5 stelle e una gran parte degli italiani lo avevano capito mandando il movimento a rappresentarli in parlamento….sono 20 anni che in italia non esiste una opposizione al governo…non scherziamo! Ora,apparte la forma, io non riesco a non essere d’accordo con i 5stelle. Ho paura che il mio paese sprofondi in una catastrofe gia’ vissuta in tempi non lontani dove i modelli pre -catastrofe sono stati d’identico profilo a questi cui assistiamo oggi….e se si continua cosi’……..con o senza un movimento di protesta,qualunque esso sia,sara’ solo una questione di tempo. La mia riflessione non limita lo sguardo solo sul mio paese,ti segnalo che io vivo in francia da 4 anni al confine con la spagna………..conosco benissimo le realta’ di questi paesi e ti assicuro che la situazione é molto grave.

  • Nik

    Faccio un’osservazione di questo tipo perché sei tu che hai tirato in ballo la Resistenza per giustificare i comportamenti dei parlamentari grullini. Ma vorrei farti notare che la Resistenza non era un gruppo parlamentare, era fatta dai partigiani armati sui monti che combattevano contro soldati.

    Lo so benissimo che sono 20 anni che in italia non esiste una opposizione al governo, ovviamente, ma tu confondi “opposizione” con “protesta”… non sono la stessa cosa!!

    Se vuoi fare solo ed esclusivamente protesta, la fai in piazza, ma dal momento che vai in Parlamento, lì devi cominciare a fare opposizione… che non è sventolare cartelli in aula e fare proclami stile comizio (peraltro tutte cose già fatte da Lega, Forza Italia e vari altri, negli anni dei governi Prodi), né fare a spintoni con i commessi.

  • Angelo Capistrano

    opposizione e protesta sono la stessa cosa,figlie del disaccordo….. ecco un esempio di dialettica acrobatica ……..é solo una questione d’intensità……….la tua osservazione é parallela al tam tam mediatico che sentiamo in questi giorni………….tira fuori la sostanza ed elenca i vari passaggi avvenuti prima di arrivare al bordello! per favore……………

  • Nik

    Opposizione e protesta sono la stessa cosa se le faccio io da casa mia… ma se mi votate e mi mandate in parlamento devo fare il parlamentare, non il dimostrante.
    Se non lo capisci io non starò certo a perdere un sabato mattina per spiegartelo. Salutami la Francia e goditela.

  • Fabio

    parli di limiti etici e morali come se segnassi dei confini alla decenza:NON ESISTONO PIU’ dagli anni ’90.parli di opposizione quando la NOSTRA opposizione(quella comunista)ha permesso l’elezione di ex letterine,attrici,presentatrici,avvocati,bracci destri ed imperatori mediatici senza che si facesse nulla.hai OMESSO quel compromesso che tiene in OSTAGGIO vecchi e nuovi politicanti-pubblicitari.mi stai parlando di lacune di un programma che AVRESTI POTUTO COMPLETARE persino TU,attraverso delle proposte.ripeto:sarai uno di quelli che non andrà a votare e che fa della demagogia e della retorica il suo UNICO e STERILE grido di battaglia.mi parli tu stesso di contesti diversi:ammetti,implicitamente, che sarebbe ora di RINNOVARSI ,guardandosi in giro.da ELETTORE(non da grillino,bada bene)disattento,cerco,SUL SERIO,di votare ANCHE i non comunisti(ma ricordamene uno utile alla causa,please),se questo mi pulisce l animo da disgusto ed impotenza.

  • Angelo Capistrano

    infatti é molto meglio se esci a prendere una boccata d’aria a schiarirti le idee,allontanando questi tuoi propositi cha sanno tanto di fantozziana memoria……….cito giusto le tue stesse parole: Opposizione e protesta sono la stessa cosa se le faccio io da casa mia…tipico dei codardi!

  • O. Raspanti

    Quanta supponenza. E la migliore è quella del programma economico che avrei potuto scrivere anch’io! Accipicchia! Non che è stato votato un partito che non ha un programma economico. No, questo si tace.
    E poi lascia fare il fatto che “noi comunisti” avremmo permesso questo e quello, innanzitutto perché è falso e poi perché te di comunista non hai proprio nulla.
    E qui chiudo il discorso perché con i grilli non si discute: sono abituati a fare cricri. Andate alle Cascine ad arieggiarvi che vi fa bene.

  • Nik

    Non volevo risponderti, ma lo faccio solo per dirti due cose:
    1) io non ti ho offeso
    2) codardo dillo a tuo fratello, a tua sorella, a te stesso allo specchio, o a chiunque altro tu conosca davvero… non a me.
    Adiòs.

  • Angelo Capistrano

    una favola cosi irreale da scaturire le ire del governatore Draghi…….raccontala a qualcun’altro! se é rimasta invariata del 36 a oggi é proprio per la scorrettezza dell’operazione………..la solidita’ delle banche italiane era stata messa gia in evidenza nei passati stress test…………non era assolutamente necessaria tale operazione………il prossimo passo é il prelievo forzoso sui conti correnti degli italiani….una pratica che sta diventando piuttosto comune in europa!

  • Spartacus

    “scendi da quel trespolo”: è più forte di voi!
    Non riuscite a dialogare senza insultare, trattare l’interlocutore di venduto, imbecille ecc. ecc.
    Passerà, vi passerà….Come la Lega….Siete velleitari e effimeri.
    Nel vostro statuto c’è scritto che non potete fare coalizioni. Quindi aspettate di avere il 51% per cambiare le cose. Per il momento accontentatevi di sbraitare e insultare.
    Questo, lo puoi immaginare, aiuta molto chi è senza lavoro, senza casa o in una situazione difficile.

    ps: noterai, caro Fabio che l’articolo di Wu Ming 1 sul lavoro (e sui padroni) non ha attirato nessun commento grillino. È un caso secondo te?

  • Angelo Capistrano

    tranquillo………lo faro’ se necessario……..io non uso pseudomini se guardi bene c’é nome cognome e tanto di foto……..non si puo dire di te la stessa cosa. ciao!

  • Fabio

    hai ragione.2 a 0 per te:prima rete segnata col riferimento all articolo in cui spieghi che non è stato doverosamente commentato:ce ne sono milioni,credimi,di questioni che non si toccano ma che turbano oltremodo il popolo.e questo NON vuol dire non interessarsene.seconda rete segnata,da te:MI HAI DATO DEL FASCISTA.legittimo o no che ti risponda in modo quanto meno ironico..se posso:ovvio.posso?

  • Fabio

    hai ragione:sono uno attaccato (e vincolato,come i parassiti)alle utopie.però aspetto sempre che consigli qualcosa di meglio…cosa che sistematicamente NON FAI

  • Nik

    In realtà questa è una mia foto, inoltre se clicchi sul mio nome trovi anche il link al mio profilo facebook

  • Angelo Capistrano

    vero! ho anche fatto due passi nel tuo profilo facebook……bene,bravo, sei sulla buona strada……………ma non aspettarti che ti chieda scusa per il ” codardo ” …..non lo faro’…………spesso nella vita ci ritroviamo in condizioni che non sono ponderate fino in fondo,è solo una questione di percezione….la mia non voleva essere una espressione colpevolizzante. Infatti non ho detto sei “sei un codardo” ………..ho detto: tipico dei codardi………attenzione! non mi sto giustificando……..ma tento semplicemente di farti comprendere che l’offesa non é cosi’ grave…..ciao.

  • Antonio Cabitza

    Lisciare il pelo ai fascisti di 5Svastiche non darà all’ex glorioso
    Manifesto una credibilità fra gli squadristi grillini. Piuttosto
    pretenderanno che anche i “sinistri” caduti nella trappola del voto di
    protesta qualsivoglia facciano un battesimo di fuoco e diventino anche
    loro, fino in fondo, fascisti che apriranno il varco all’ascesa
    tumultuosa di un emerito represso sessuale di professione “Buffone”.