closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Uno storico militante, nell’orizzonte acheo

Saggi di storiografia classica. Ritenuto per lungo tempo un modello di imparzialità, Polibio restò sempre un uomo di parte, la cui opera va interpretata anche come «azione»: un saggio di John Thornton da Carocci

Carle Vernet, Il trionfo  di Emilio Paolo, 1789, New York, Metropolitan Museum of Art

Carle Vernet, Il trionfo di Emilio Paolo, 1789, New York, Metropolitan Museum of Art

Un secolo fa, per Benedetto Croce, lo storico greco Polibio era un «Aristotele dell’antica storiografia: un Aristotele storico e teorico insieme», e di lui si elogiava «la vigilanza critica, l’austerità scientifica, l’anelito verso l’ampia e severa storia». Quella pagina non felice, che si legge in Teoria e storia della storiografia, è ormai dimenticata: ma il posto di Polibio tra gli storiografi antichi è di rispetto, pur se meno vistoso di altri: l’edizione commentata delle Storie disponibile nella Bur, in otto volumi (2001-2006) ne è un segno concreto, e non l’unico. Certo, fu colui che narrò la storia della seconda guerra...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi