closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

Unifil a rischio, Andrea Doria attesa davanti alle coste libanesi

Beirut. E' elevato il pericolo di una escalation in Libano in conseguenza di un attacco americano alla Siria. Hezbollah per ora mantiene profilo basso e lancia avvertimenti contro possibili raid israeliani

Il cacciatorpediniere “Andrea Doria” naviga verso il Mediterraneo orientale e nel giro di un paio di giorni si unirà all’Unifil navale (Onu) davanti alle coste libanesi. Il compito di questa nave “multiruolo” è quello di garantire i circa mille soldati italiani della missione Unifil, comandata dal generale Paolo Serra. Il governo italiano e i comandi militari non dicono molto di più. A Roma si guarda con molta preoccupazione ai riflessi in Libano dell’attacco americano alla Siria. I rischi di una escalation esistono, anche nel Libano del sud in cui opera il contingente di terra dell’Unifil – migliaia di soldati di...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi