closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Commenti

Una timida riforma, insufficiente contro il razzismo sistemico

Decreti sicurezza . Con la riforma, rispetto ai Decreti di Salvini, non scompaiono le sanzioni alle Ong – che diventano penali e non più amministrative - e aumenta la criminalizzazione di chi si ribella nei Cpr. Il Daspo urbano per selezionare e disciplinare la popolazione viene rafforzato

La riforma dei Decreti Sicurezza segna alcuni timidi passi in avanti. Tuttavia, per far fronte al razzismo odierno - che si manifesta tanto nel discorso pubblico, quanto nella pratica istituzionale - servirebbe molto di più. Forse sarebbe stato troppo ambizioso (ma soprattutto ingenuo) aspettarsi che questa condizione cambiasse sotto lo stesso premier che ha condotto il governo più a destra della storia del paese. Così come poco c’era da aspettarsi da un partito nazional-populista come il M5S e da un centro-sinistra che da venticinque anni fa politiche sostanzialmente uguali a quelle della destra, di cui condivide lo spirito securitario ma...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi