closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una stoffa dalle radici cristiane

Islam. «Come il velo è diventato musulmano» di Bruno Nassim Aboudrar, per Raffaello Cortina editore. Un libro che invita a rivedere qualche stereotipo consolidato

Shadi Ghadirian

Shadi Ghadirian "Like everyday", 2000

Velo sì, velo no. Il dibattito sui rapporti tra Occidente e mondo arabo si limitano spesso al pezzo di stoffa sul capo delle donne di fede musulmana, tirato sia da chi lo rivendica come simbolo di identità che da chi lo bolla come strumento di sottomissione. Ma tra chi lo vuole togliere e chi lo vuole santificare spesso regna ignoranza: del velo l’Occidente sa poco, alimentandosi di stereotipi da tolleranza zero o da esaltazione orientalista. Cerca di fare chiarezza Bruno Nassim Aboudrar, professore di estetica alla Sorbonne. Nel libro Come il velo è diventato musulmano (Raffaello Cortina editore, pp. 207,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi