closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Una Spoon River intrisa d’acciaio

Scaffale. «Ilva Football Club» di Fulvio Colucci e Lorenzo D’Alò, edito da Kurumuny. La squadra ideale che gioca fra le ciminiere e che diventa una inevitabile Spoon River

In un quartiere popolare di Taranto, frotte di ragazzini hanno speso le ore migliori della giovinezza correndo dietro a un pallone, provando colpi di tacco e piroette, tunnel e rovesciate, sognando di emulare le gesta di Krol e Boninsegna. Tanti di loro hanno calcato il terreno battuto del «Tamburi vecchio», il campo epico con le reti delle porte formate dalle corde per legare le cozze a mare, il sabbioso rettangolo di gioco a un passo dalla fabbrica più inquinata d’Europa, a due dal cimitero dove le polveri colorano di rosso le lapidi dei defunti. Sono i protagonisti dell’Ilva Football Club,...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi