closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Una legge per vietare di parlare dei gay a scuola

Adesso tocca ai gay. Dopo i migranti, le ong, la stampa e la magistratura, l’Ungheria di Viktor Orbán prepara un nuovo giro di vite, questa volta contro le comunità Lgbt. Non che fino a oggi le persone omosessuali o transgender fossero particolarmente tollerate nel paese, così come del resto le altre minoranze. La novità è che due giorni fa Fidez, il partito nazionalista del premier magiaro ha presentato in parlamento una proposta di modifica di legge per vietare la «propaganda» gay e la possibilità di parlare di omosessualità nelle scuole. Se le nuove norme verranno approvate, cosa molto probabile vista...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.