closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Una giornata seguendo «Versoterra» le vite e le storie dei migranti

Teatro. Realizzato in Salento, il progetto di Mario Perrotta si snoda in diversi luoghi dall’alba a notte fonda

Sveglia alle quattro del mattino, quaranta minuti di pullman e si arriva a San Foca che è ancora buio. Non si distinguono i volti di chi distribuisce coperte, mentre si cammina verso la spiaggia adriatica. L’umidità penetra nelle ossa degli insonni spettatori, convocati all’alba da Mario Perrotta, per il primo appuntamento di Versoterra, il progetto sui migranti che l’autore-attore-regista ha voluto realizzare con una cinquantina di persone nel suo Salento, dopo l’esperienza di Ligabue sul Po dello scorso anno. Che la location non sia casuale lo si capisce appena iniziano le proiezioni sulla facciata dell’ex Cpt Regina Pacis, noto per...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi