closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Una dialettica senza illuminismo, esordio romanzesco di Karen Köhler

Scrittrici tedesche. «L'isola di altrove», Guanda

Karen Köhler

Karen Köhler

Situate in uno spazio indefinito, le vicende dell’esordio romanzesco di Karen Köhler, L’isola di altrove (traduzione di Margherita Belardetti, Guanda, pp. 468, € 20,00) ruotano attorno all’emancipazione di una trovatella sedicenne che, in un tempo risalente a circa trent’anni fa, era cresciuta in un villaggio arrampicato su una delle cinque montagne dela immaginaria «Bella Isola». Nel villaggio regna una società arretrata in cui alle donne è vietato leggere, parlare, esprimersi: il loro dovere, in questo mondo distopico, è obbedire agli uomini, e innanzitutto ai tredici del Consiglio degli Anziani, seguendo le imposizioni della Corabbia, il libro sacro della religione fanaticamente...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi