closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Visioni

Una danza della materia dei sogni. E dei corpi

L'eredità Bausch. I dieci anni passati dalla morte di Pina Bausch non hanno affatto sminuito la fama, l’importanza che il suo «tanztheater» mantiene sulle nuove generazioni di artisti. Perché lei ha davvero cambiato il nostro immaginario

Pina Bausch

Pina Bausch

I dieci anni passati dalla sua morte, avvenuta il 30 giugno del 2009, non hanno affatto sminuito la sua fama, l’importanza che il suo tanztheater mantiene sulle nuove generazioni di artisti, e tanto meno il suo ruolo di icona non solo della danza, ma di tutte le arti. E perfino di atteggiamenti , comportamenti , e capacità di reazione e «interpretazione» da parte del pubblico. Perché lei, Pina Bausch, ha cambiato davvero le carte (e la carne) in tavola: le tavole del palcoscenico naturalmente, ma non solo quelle. Di lei si sa molto: nata nel 1940 a Solingen, la capitale...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.