closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Un terzo polo in Medio oriente: Qatar, Turchia e Fratelli musulmani»

Crisi nel Golfo. Lo sostiene Ali Hashem, analista del portale al Monitor: «Il conflitto tra Doha e Riyadh favorisce l'Iran ma Tehran non riuscirà a portare dalla sua parte del monarchie sunnite che non accettano l'egemonia dell'Arabia saudita»

L'emiro del Kuwait, lo sceicco Sabah Al Ahmad Al Sabah, è partito ieri per Gedda per mediare una soluzione della crisi che lacera i rapporti tra l'Arabia saudita, sostenuta da Bahrain, Emirati ed Egitto, e il Qatar accusato di simpatizzare con il "nemico", l'Iran, e di «sostenere il terrorismo» ossia i Fratelli musulmani. Dietro le quinte media anche la Turchia alleata di Doha. Si cerca di ridurre la frattura che due giorni fa ha raggiunto il punto più ampio con la decisione presa da Riyadh di chiudere la frontiera terrestre, di sospendere i collegamenti aerei e di interrompere i rapporti...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.