closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un «piano» per uscire dalla crisi ritrovando la classe

Saggi. «Non sarà un pranzo di gala» di Emiliano Brancaccio, per Mimesis. L'autore si interroga su come costruire un'«intelligenza collettiva rivoluzionaria» e reinventare una «moderna politica di piano» finalizzata allo sviluppo dei diritti economici, civili, politici e sociali

L’«orizzonte catastrofico» del capitalismo è più vicino nella crisi del Covid, ma un’«intelligenza collettiva rivoluzionaria» è da costruire. Bisogna reinventare una «moderna politica di piano» finalizzata allo sviluppo dei diritti economici, civili, politici e sociali. Pensiamo a una nuova politica basata sull’«interattività» tra «pianificazione, libertà e democrazia» opposta allo scontro interno al capitale tra «globalisti» e «sovranisti» che soffoca ogni istanza rivendicativa. QUESTE TESI, esposte dall’economista Emiliano Brancaccio nel libro Non sarà un pranzo di gala. Crisi, catastrofe, rivoluzione (Mimesis, pp. 232, euro 18, a cura di Giacomo Russo Spena), interpretano l’idea della pianificazione pubblica dell’economia su basi diverse da...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi