closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un laboratorio aperto sulla Storia

TEMPI PRESENTI. Pubblicato il cinquantesimo volume degli «Annali Feltrinelli». Le vicende di una Fondazione dove forti personalità hanno scandito uno straordinario istituto di ricerca. Dalla cultura politica del Movimento operaio all’analisi di un mondo in veloce trasformazione

Hannu Palosuo, «Obliterated memory», 2012

Hannu Palosuo, «Obliterated memory», 2012

Il cinquantesimo volume degli «Annali» della Fondazione Giangiacomo Feltrinelli (datato 2014-2015, ma uscito alla fine dello scorso anno) è dedicato alle origini dell’istituzione milanese che li pubblica. Questa sorta di «auto-riflessione» coincide con il trasferimento della Fondazione nell’area di Porta Volta, aperta nel 1880 nelle vecchie mura spagnole, subito dopo abbattute. Affidata a un prestigioso studio di architetti, la progettazione della nuova sede ha sollevato critiche anche profonde: ad esempio su queste pagine, nell’articolo di Maurizio Giufrè del 14 gennaio scorso. Curato da due storici, Giuseppe Berta e Giorgio Bigatti, La Biblioteca-Istituto Feltrinelli. Progetto e storia copre il periodo che...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi