closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Cultura

Un gioioso ritorno a vite immaginarie

Intervista. La scrittrice cilena María José Ferrada parla del suo albo «Niños», pubblicato in Italia con Edicola edizioni. Un poetico omaggio ai bambini e alle bambine cui la dittatura di Pinochet ha rubato il futuro

María José Ferrada

María José Ferrada

Mercedes aveva 9 anni quando fu assassinata e adesso la ritroviamo a osservare la luna come fosse una fetta di formaggio da tirare giù dal cielo per «rubarla» al topo che sgambetta in cortile. Paola, invece, aveva solo tre mesi, eppure grazie alla scrittrice cilena María José Ferrada e all’illustratrice María Elena Valdez la reincontriamo cresciuta splendidamente mentre, sprigionando una luce solare, saltella felice dietro a una libellula. Sergio, desaparecido a 11 anni, aveva deciso di seminare un vaso di parole: il suo dizionario è rimasto muto, non gli è stato concesso il tempo. Dopo aver raccontato la propria infanzia...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.