closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
1 ULTIM'ORA:
Cultura

Un architetto radicale va in città

Mostre. Alla galleria Bonelli di Milano, la personale di Gianni Pettena dal titolo «About non conscious architecture», a cura di Marco Scotini

Wearable Chairs

Wearable Chairs

Pettena la spia, l’anarchitetto, l’artista. Tutte queste anime sono al centro della mostra in corso alla Galleria Bonelli di Milano, a cura di Marco Scotini, dedicata alla sua figura. Gianni Pettena (Bolzano, 1940 vive e lavora a Firenze) è stato uno dei pochi radical a mettersi in gioco e uscire dalla disciplina dell’architettura per entrare nel campo dell’arte, sempre con la necessità di fare spazio. Uno spazio misurato. Una volta è il cortile di un palazzo, una piazza, un'altra volta la facciata di una casa, una strada. Non ha mai agito nel vuoto del deserto come i landartisti, come l’amico...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.