closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Politica

Un alleato anti-austerity nel braccio di ferro con la Ue

Legge di bilancio. La manovra è arrivata ieri mattina sui tavoli europei: per Renzi non sarà una passeggiata

Matteo Renzi e Jean-Claude Juncker

Matteo Renzi e Jean-Claude Juncker

Per Barack è l’ultima cena (di Stato). Per Matteo rischia di esserlo. Ma il fiorentino non è scaramantico s’immerge felice nell’oceano di lusinghe preparato per lui dal generoso ospite. Col codazzo che dà lustro alla penisola, Benigni, Sorrentino, la campionessa Bebe Vio, la scienziata Gianotti, la curatrice del Moma Antonelli, senza dimenticare la consorte Agnese, Renzi si gode il rullo di tamburi, il picchetto d’onore, l’ala nobile della Casa Bianca, i complimenti stereotipi del presidente al bel Paese («Amiamo il vino e Sophia Loren») e a lui personalmente («E’ giovane, è bello, sfida lo status quo, rappresenta una nuova generazione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi