closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Un aereo evitò un missile» Il Cairo ammette: era nostro

Sinai. Sul Metrojet russo il Cairo ammette: è esploso in volo, ma non è detto sia stata una bomba

«Torniamo in piazza», è lo slogan con cui i giovani rivoluzionari hanno chiamato a nuove manifestazioni contro la repressione in corso in Egitto. Verranno ascoltati? Una cosa è certa, l’Egitto oggi è un paese ancora più insicuro di una volta. È bastato che l’ex generale lasciasse per due giorni il territorio nazionale per volare a Londra, dove è stato accolto da diffuse contestazioni, che al suo rientro ha trovato un paese di nuovo piombato nel caos e nel panico. Dal 23 agosto al 31 ottobre scorsi due aerei, che trasportavano turisti nel Sinai, hanno rischiato di essere abbattuti per cause...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi

Benvenuto su ilmanifesto.it

Uso di alcuni dati personali

I cookie sono piccoli file di testo che vengono memorizzati durante la visita del sito. Hanno diverse finalità:

Icona ingranaggi
Cookie tecnici

ilmanifesto.it usa solo cookie anonimi e necessari al buon funzionamento del sito. Non raccolgono dati personali e sono indispensabili per la navigazione o i nostri servizi.

Icona grafico
Cookie statistici

ilmanifesto.it non profila gli utenti per il remarketing o per scopi pubblicitari. Usiamo cookie statistici che servono per analizzare grandi gruppi di dati aggregati.

Icona binocolo
NON ospitiamo cookie pubblicitari o di profilazione.

Non vendiamo i tuoi dati e li proteggiamo. Potremmo però essere intermediari tecnici di alcuni contenuti incorporati da terze parti (ad es. video, podcast, post o tweet, pagamenti via Stripe). Consulta le privacy policy delle terze parti raccolte sul sito.

Se chiudi questo banner acconsenti ai cookie.