closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Internazionale

«Un aereo evitò un missile» Il Cairo ammette: era nostro

Sinai. Sul Metrojet russo il Cairo ammette: è esploso in volo, ma non è detto sia stata una bomba

«Torniamo in piazza», è lo slogan con cui i giovani rivoluzionari hanno chiamato a nuove manifestazioni contro la repressione in corso in Egitto. Verranno ascoltati? Una cosa è certa, l’Egitto oggi è un paese ancora più insicuro di una volta. È bastato che l’ex generale lasciasse per due giorni il territorio nazionale per volare a Londra, dove è stato accolto da diffuse contestazioni, che al suo rientro ha trovato un paese di nuovo piombato nel caos e nel panico. Dal 23 agosto al 31 ottobre scorsi due aerei, che trasportavano turisti nel Sinai, hanno rischiato di essere abbattuti per cause...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi