closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Alias Domenica

Turpitudini di un erotomane in odore di santità

Narrativa spagnola . Juan Goytisolo smentisce il suo abbandono della scrittura e in una perfida parodia riprende le peripezie del Monstro del Sentier

Sembrava proprio che Telón de boca</CW><CW-29>, pubblicato in Spagna nel 2003 e tradotto in italiano sei anni più tardi («Oltre il sipario», L’ancora del Mediterraneo), fosse l’ultimo romanzo di Juan Goytisolo, nato a Barcellona nel 1931, che condivide con Juan Benet l’onore e l’onere di essere lo scrittore spagnolo del secondo Novecento più interessante, eterodosso e indifferente alle lusinghe del mercato. Era stato lo stesso Goytisolo a dichiarare che con quel testo sulla memoria, il lutto e l’oblio avrebbe concluso la sua lunga traiettoria di narratore, iniziata nel 1954 con «Juegos de manos», primo di una serie di romanzi e...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi