closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Europa

Tsipras lascia: «Per una Grecia più giusta»

Provaci ancora. Un’altra svolta, dopo il summit con ministri e Syriza. Dimissioni da premier e urne aperte il 20 settembre. La «transizione» a una donna magistrato. Sette mesi dopo il voto che lo ha portato al governo e a un mese dal referendum, il leader greco incassa i prestiti e chiede al paese di rinnovargli il mandato per governare

Alexis Tsipras ha voluto seguire con decisione la via che porta alle elezioni anticipate, il prossimo 20 settembre. Alla riunione in cui si è deciso il ricorso anticipato alle urne hanno preso parte tutti i più stretti collaboratori del premier greco: il ministro alla presidenza Nikos Pappàs, il capogruppo di Syriza alla camera, Nikos Filis, il ministro per il riassetto produttivo Panos Skourletis. «Non si tratta dell’accordo che avremmo voluto, ma senza il sostegno e la resistenza dimostrata dal popolo greco, i creditori ci avrebbero portato alla catastrofe, o avrebbero imposto totalmente la loro linea», ha sottolineato Tsipras, nel suo...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi