closefacebookgpluslinkedinmailphotosearchsharetwitterwhatsapp
Italia

Trivella di Stato, sì del governo

No Ombrina. Un colpo di mano del ministero dello Sviluppo economico in favore dei petrolieri. Il governo Renzi in controtendenza alla Conferenza di Parigi. L'Abruzzo annuncia il ricorso al Tar.

Corteo di protesta contro il progetto Ombrina

Corteo di protesta contro il progetto Ombrina

È il giorno più nero per l’Abruzzo, nero petrolio. Un sonoro ceffone (non inatteso per la verità) è arrivato dal ministero dello Sviluppo economico che ha concesso il definitivo via a perforare e a tirar su greggio ad una manciata di miglia dalle sgargianti spiaggette della provincia di Chieti. La temutissima e supercontestata piattaforma «Ombrina Mare», con annessa nave – raffineria galleggiante, si farà: questo è stato deciso al termine della Conferenza dei servizi a Roma, tra le proteste e le bandiere «no oil» che sventolavano inferocite all’esterno. «Un vero e proprio sopruso», commenta il coordinamento «No Ombrina», tra «delusione...

Per continuare a leggere,
crea un account gratuito

Registrati

Hai già un account? Accedi